Una stanza tutta bianca per giocare

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [J9VK9CX5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [RPR6SPXT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [U75JPLHZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
Sul pavimento un lenzuolo bianco, un contenitore con la farina, stoffe e gomitoli di lana, angoli luce con le lanterne... Di Sabrina Gori
sabrina gori nido esperienza gioco



Progettare esperienze di gioco per i bambini è un’occupazione quotidiana degli educatori. Si tratta di allestire spazi, materiali ed oggetti affinché i bambini possano trovarsi nelle condizioni di provare interesse curiosità e desiderio di sperimentare. Molte sono le attività da proporre ma alcune risultano particolarmente ricche quando mettono i bambini nella condizione di coltivare la propria interiorità.

Prepariamo gli spazi


Alcuni ingredienti in questa proposta di gioco: una stanza allestita con materiale vario e con un unico denominatore comune: il colore bianco; il silenzio della sorpresa, la gioia di trovare modalità insolite con cui esprimersi.
È tempo di giocare. I bambini sono invitati a raggiungere la stanza del sonno e osservano con stupore ciò che l’ambiente offre per permettere un gioco spontaneo e libero. Le educatrici hanno preparato con cura ogni dettaglio predisponendo lo spazio e allestendo alcune proposte di gioco. Materiali di recupero di forme e dimensioni diverse che suggeriscono la possibilità di dedicarsi a esperienze sensoriali di vario genere che lasciano spazio alla creatività dei bambini. Sul pavimento è adagiato un lenzuolo bianco, sopra di esso un contenitore con la farina bianca. Alcune stoffe e gomitoli di lana. Sono presenti inoltre angoli luce. La luce stimola sin da subito un gioco curioso: le ombre e le sagome degli oggetti diventano forme con cui dialogare. Le piccole lanterne e le candele accese invitano i bambini a soffermarsi su ogni spicchio di luce che si riflette sul soffitto e sulle pareti. Il silenzio accompagna l’esperienza.

 

Osserviamo i bambini


Le educatrici osservano il gioco dei bambini e hanno conferma che la loro intenzionalità ha incontrato il loro stupore. Il gioco si compone di sguardi, gesti e movimenti per esplorare, provare, costruire e pensare. Un gioco serio, attento, impegnato che coltiva la possibilità dei bambini di dedicare un tempo senza tempo alla possibilità di sentire, di ascoltarsi, di conoscersi.
L’atmosfera è serena, si avverte una sensazione di tranquillità e benessere, il gioco si svolge fluido e spontaneo. La meraviglia della scoperta di una stanza che si è colorata di bianco ha reso straordinaria una mattina di gioco. Le educatrici, osservatrici silenziose di questa esperienza, possono ora raccontare l’essere dei bambini.

Si ringraziano le educatrici del nido San Giovanni di Empoli per aver condiviso la preziosa esperienza che testimonia la loro intenzione di sintonizzarsi con il mondo interiore dei bambini dando loro opportunità di gioco dove si abbandona l’obiettivo del fare e si va incontro alla possibilità dell’essere con se stessi e con gli altri.
 

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola