La mostra in mostra

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [4Z9SX3RC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [96UA5I5K] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [QHSZ2WPR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Un "viaggio dietro le quinte di una galleria d’arte contemporanea" per bambini dai 6 anni in su, con i testi Emanuela Nava e Cristina Quadrio Curzio e le illustrazioni di Gek Tessaro − che per l’occasione ha mescolato il disegno grafico alla pittura, sia astratta, sia figurativa

mostra in mostra.jpg

Emanuela Nava, Cristina Quadrio Curzio, Gek Tessaro, La mostra in mostra, Milano, Carthusia 2010.

Un "viaggio dietro le quinte di una galleria d’arte contemporanea" per bambini dai 6 anni in su, con i testi Emanuela Nava e Cristina Quadrio Curzio e le illustrazioni di Gek Tessaro − che per l’occasione ha mescolato il disegno grafico alla pittura, sia astratta, sia figurativa.

In un volume di grande formato (28,5x28,5 cm), brevi parole distese sulle immagini raccontano le fasi della preparazione di una mostra: gli "enormi cavalli d’acciaio" dai quali si scaricano le casse con le opere; i pensieri dei galleristi che nel frattempo "miagolano, ruggiscono, sibilano"; la pausa pranzo ("le mascelle mordono, i denti sminuzzano"); l’allestimento, con le mani che "toccano, misurano, grattano, bussano". Ma per finire una mostra, per creare una "galleria di pace bambina" occorre ancora qualcosa, uno che “senta” e veda le immagini: lo spettatore. Tanto meglio se capace di gettare su quadri e ambienti il suo occhio unico e irripetibile, per esempio come un pipistrello, a “testa in giù”. 

1 Ottobre 2011 In libreria

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola