Rappresentazioni spontanee di risoluzione di problemi: un'esperienza in continuità tra scuola dell'infanzia e primaria

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [Q72IX7I3] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [LU2XIJD1] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [48UILT4D] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Rappresentazioni spontanee di risoluzione di problemi: un'esperienza in continuità tra scuola dell'infanzia e primaria

Da Lugano, un progetto in continuità tra scuola dell'infanzia e primaria: quali competenze hanno i bambini nella risoluzione di problemi? E come li rappresentano? Un video e due approfondimenti.

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
Palloncini

Claudio Poretti, dirigente scolastico dell'I.C. di Lugano, racconta ad Emilia Passaponti, caporedattore di "Scuola dell'infanzia", un progetto in continuità tra scuola dell'infanzia e primaria curato insieme con Silvia Sbaragli, del NRD di Bologna.

Quali competenze hanno i bambini nella risoluzione di semplici problemi? E come li rappresentano? Perché è tanto importante, nella didattica della matematica, partire proprio da queste rappresentazioni, e dalle strategie adottate spontaneamente dai bambini?

Intervista realizzata durante il XXVIII convegno del NDR in Didattica della Matematica di Bologna. A corredo del video, disponibili le slides presentate durante il convegno e un articolo di approfondimento

 

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola