Per un dialogo fra Passato e Presente

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [WD6SX1HB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [65D7P1CJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [3P7NSJKW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Cosa c’entra Caos con i Colori? Proposte operative per la classe, dal progetto Colori nella Storia.

Immagine 1

Monumenti per far ricordare

Lo scarso interesse per il Passato - poco importa se antico o più vicino all’oggi - è una delle caratteristiche del nostro attuale mondo globale che vive immerso in un lungo Presente. Un Presente, però, nel quale - in gran parte del mondo e certamente in Italia - paesaggi e città conservano innumerevoli lasciti di una Storia più che millenaria. Questi lasciti del passato li definiamo beni culturali e monumenti. Ebbene, dalla nostra parola attuale monumento possiamo avviare il nostro dialogo fra Passato e Presente.

Monumento deriva dal termine latino Monumentum che viene da moneo = far ricordare. Quindi, i nostri monumenti, tanto suggestivi quanto economicamente rilevanti per il Paese, devono servire a questo, a farci ricordare. Ma ricordare che cosa? Le culture che li hanno prodotti, cioè i modi di vita, le religioni, i costumi, le idee, le tradizioni e così via di popoli differenti fra loro e diversi da noi. Il nostro Presente ospita, a partire dalla lingua, una quantità di clandestini - parole, espressioni, monumenti, rovine, cibi - che provengono da una Storia millenaria che va studiata e narrata come si farebbe quando si è visitato con attenzione un paese straniero dove gli uomini sono sempre uomini, ma dove tutto si svolge in modo diverso rispetto all’oggi. Se cesseremo di avere interesse e di comprendere le culture che hanno dato vita a quei monumenti che fanno ancora parte del nostro Presente, questi perderanno i loro molti significati e diverranno incomprensibili rovine.

Caos: la parola e il mito dell’origine del mondo

Nella chiave USB Colori nella Storia, nel capitolo dedicato al Dialogo fra Passato e Presente viene proposta una scheda testuale in PDF dedicata al Caos che è corredata da un PowerPoint di immagini con didascalie. Nella parte conclusiva della scheda avanziamo diverse proposte che speriamo possano incontrare il vostro interesse per un autonomo lavoro con gli allievi.
Caos è una parola clandestina che deriva dalla Grecia antica, ma è molto vitale nel linguaggio attuale. Caos è la parola-chiave per raccontare l’origine del nostro mondo, secondo la concezione dei Greci dell’età arcaica.
Ma cosa c’entra Caos con i Colori? Apparentemente nulla, ma guardando con più attenzione si scopre che c’entra molto e, in particolare, con il colore nero.

Buon viaggio nel paese straniero dove In principio era il caos!

Per saperne di più

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola