La scrittura, tra penna e tastiera

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [V92ZDXTY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [PKI4BBMV] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [HBKU48Q4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Utilizzare ancora un foglio di carta per prendere appunti può avere effetti significativi sul riconoscimento e la memorizzazione delle lettere, oltre che sulla comprensione di ciò di cui si vuol prendere nota. Di Maria Teresa Morasso

scrivere a penna

Scrivere a mano o no? Sempre meno sono i giovani che scrivono con carta e penna, sempre più numerosi sono i casi di difficoltà grafo-motoria.

È stato evidenziato che l’esperienza della scrittura a mano, a differenza dell’uso della tastiera, grazie alla connettività funzionale visuo-motoria che la caratterizza, può avere effetti significativi sul riconoscimento e la memorizzazione delle lettere. Le analisi di neuroimmagine con fMRI (risonanza magnetica funzionale) rivelano che scrivendo a mano aumentano sensibilmente le connessioni funzionali di alcune aree cerebrali specifiche visive e motorie: e questo soprattutto se si scrive in corsivo, dove il coordinamento oculo-manuale è maggiormente implicato.

Altri studi hanno mostrato che prendere appunti durante una lezione scrivendo a mano aiuta a ricordare e comprendere meglio i concetti rispetto all’uso del computer. Infatti, la specificità e la varietà dei movimenti necessari a tracciare le lettere con penna o matita è diversa dal gesto più o meno sempre uguale che si compie digitando sulla tastiera. E la necessità di selezionare e sintetizzare i concetti per trascriverli velocemente aiuta la comprensione e il ricordo.

Inoltre, è stato osservato che un allenamento efficace e una adeguata automatizzazione del gesto grafico favoriscono l’articolazione del pensiero e la coesione del testo nella produzione scritta, oltre ad incrementare l’abilità di tracciare le lettere.

"Uno spettacolo di formazione"

Maria Teresa Morasso sarà ospite di “Uno spettacolo di formazione” promosso da Giunti Scuola in programma il 13 febbraio a Francavilla Fontana. Il tema è "L'atto dello scrivere. Tra penna e tastiera". Clicca sui collegamenti per avere maggiori informazioni. 

In occasione dell'incontro di formazione sarà fornita ai presenti una dispensa con all’interno la versione integrale di questo articolo.

Sfoglia il booklet per saperne di più:

Open larger view

► Scegli gli incontri formativi che ti interessano nelle 9 città e iscriviti subito a questo link

► Prezzo speciale con abbonamento a La Vita Scolastica

Prezzo fedeltà per chi ha già partecipato lo scorso anno, per gli abbonati alle riviste e per gli adottatari Giunti Scuola

 
 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola