La felicità è un sistema complesso

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [1C4TXGXG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [DQNKITWD] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [9LWHNZDY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Felicità è quando tutto fila liscio e "finto" o quando si ha la possibilità di cambiare, per trovare una grandezza, un equilibrio più umano e autentico? Un film di Gianni Zanasi aiuta gli adulti a spiegare a se stessi e poi ai bambini la bellezza degli incontri con il diverso, anche quelli più difficili e imprevisti. Ecco il trailer. 

La felicità è un sistema complesso

Enrico Giusti è l’intermediario per una società che acquista aziende in crisi: avvicina dirigenti incompetenti, che rischiano di mandare in rovina le imprese che gestiscono, e li convince a cedere la proprietà evitando sia il fallimento sia la perdita di posti di lavoro. Questo è quello che pensa perché i Bernini, suoi datori di lavoro, sono interessati ad altro. Nella sua vita sembra tutto facile, ma tutto cambia, prima con l’arrivo della ex fidanzata di suo fratello, poi quando una coppia di imprenditori muore lasciando un figlio di 18 anni e una figlia di 13 a dirigere l'impresa di famiglia. Enrico dovrà ripensare al suo ruolo aziendale e darà una svolta alla sua vita.

Manuela Mancioppi

Per saperne di più

Manuela Mancioppi: 24 Febbraio 2016 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola