La casa stregata

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [KEDQ4XHL] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [8JFVZIFA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [GUW35NRB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Un video ispirato ad Halloween, con testi e colonna musicale interamente realizzati dai ragazzi della classe IV A della scuola primaria “Madonna del Popolo” (I.C. “Filippo Maria Beltrami” di Omegna). Una buona pratica segnalata da Barbara Manconi su "La Vita Scolastica" n. 3 di novembre

la casa stregata

Halloween fa ormai parte della nostra routine di festività annuali e può dare spunto a progetti didattici di grande valore. A testimoniarlo c’è un video realizzato dagli alunni della classe IV A della scuola primaria “Madonna del Popolo” (I.C. “Filippo Maria Beltrami” di Omegna, VB). Il video, realizzato con l’aiuto del professor Roberto Vetrano (per auttice: dire chi è) e pubblicato sul canale youtube dell’istituto, è frutto di un percorso didattico che ha avuto come disciplina trainante la musica e che ha coinvolto anche l’italiano, la tecnologia e l’arte. Alla base del percorso c’è la volontà di raccontare attraverso i suoni la sensazione della paura, di descrivere con gli strumenti musicali un ambiente tetro e spettrale. Testo e colonna musicale sono stati interamente ideati e composti dai ragazzi.

La storia

Questo è il loro racconto sonoro: Simon è un bambino che vive nei pressi di una casa stregata e decide, una sera, di entrarci. I suoni lenti, cadenzati, a volte striduli producono suspense fin dall’inizio. Sentiamo dei passi nel giardino, fruscii foglie, strepiti i pipistrelli, il verso del gufo ed ecco che finalmente la porta si apre: cigolando. È il battito del cuore di Simon quello che percepiamo ora, in sottofondo? Bellissimo e suggestivo il ticchettio del vecchio orologio e il suo rintocco allo scoccare della mezzanotte, che prelude all’apparizione dei fantasmi, alle voci che sussurrano il nome del bambino e… alla fuga terrorizzata del nostro protagonista. Ecco che allora la tensione si stempera in un coro di risate: era tutto uno scherzo organizzato dagli amici!

Costruire competenze

Una trama semplice, una realizzazione suggestiva e, soprattutto, un lavoro di gruppo perfettamente registrato sui traguardi di competenza previsti dalle Indicazioni Nazionali al termine del percorso della scuola primaria; un lavoro coinvolgente che richiede di mettere in gioco la propria creatività e di analizzare il rapporto tra suono ed emozione, di riflettere sul potere evocativo della musica. Non rimane che guardarlo e soprattutto ascoltarlo, a questo link. 

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola