L’insegnante di fronte alle difficoltà di apprendimento

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [GALVQ8UF] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [YEIAXYXY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [NCZPDHBC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

L’insegnante di fronte alle difficoltà di apprendimento

Molti bambini con DSA colpiscono per una “eccezionalità” che può esplicitarsi anche in sorprendenti competenze. Per l’insegnante si presenta un'occasione importante per approfondire le proprie competenze e alimentare il proprio interesse specifico. Di Cesare Cornoldi

cesare cornoldi 98

Crediamo che una persona che si occupa di scuola e di apprendimento non possa non essere affascinata dai meccanismi della mente e dalle particolari caratteristiche di funzionamento mentale che caratterizzano in modo peculiare ciascun bambino. Un atteggiamento siffatto dovrebbe portare ad apprezzare non solo le diversità delle menti, ma anche i casi che si segnalano per specifiche caratteristiche estremamente marcate.

Molti bambini con difficoltà di apprendimento colpiscono proprio per questa “eccezionalità” che si esplicita in debolezze significative, ma anche in sorprendenti competenze. Per l’insegnante, dunque, cominciare a conoscere meglio le difficoltà di apprendimento è un’occasione per soddisfare questo suo “naturale” interesse. È chiaro che l’insegnante vuole saperne di più per capire cosa fare e come, ma non trascureremo l’importanza della motivazione e della curiosità a capire meglio come si presentano queste problematiche e quali ne sono le cause.

Siamo convinti che motivazione e curiosità possano costituire una spinta formidabile ad approfondire e intervenire e che un intervento perda in efficacia se nasce da un distaccato senso del dovere, piuttosto che da un’empatica comprensione della mente del bambino in difficoltà.

"Uno spettacolo di formazione"

Cesare Cornoldi sarà protagonista di un'intervista a cura di Paola Pasotto nell'ambito di “Uno spettacolo di formazione” promosso da Giunti Scuola e in programma il 18 marzo a Miggiano (Lecce)In occasione dell'incontro di formazione, dal titolo "Difficoltà di apprendimento e diverse forme di intelligenza", sarà fornita ai presenti una dispensa in cui è contenuta la versione integrale di questo articolo.

Sfoglia il booklet per saperne di più:

Open larger view

► Scegli gli incontri formativi che ti interessano nelle 9 città e iscriviti subito a questo link

► Prezzo speciale con abbonamento a La Vita Scolastica

Prezzo fedeltà per chi ha già partecipato lo scorso anno, per gli abbonati alle riviste e per gli adottatari Giunti Scuola

 
 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Cesare Cornoldi: 27 Febbraio 2019 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola