Educare all'ascolto e alle relazioni con le musiche del corpo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [81E9MT6D] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [BWETI9A7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [DTP3X9Q6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Educare all'ascolto e alle relazioni con le musiche del corpo

"Paesaggi e corpi sonori": per imparare le pratiche della body percussion e della body music. Alla Casa delle Arti e del Gioco "Mario Lodi" di Drizzona. 

Rhythm of Math da video Crosspulse

Il nostro corpo è stato (ed è ancora) il nostro primo strumento musicale. Imparare a ascoltarsi ed ascoltare, a mettere in gioco corpo e voce, può essere una scoperta o riscoperta per creare espressioni sonore. Educatori ed insegnanti possono avvicinarsi alle pratiche della body percussion e della body music per condividerle poi con i bambini e i ragazzi.
Sabato 13 maggio, alla Casa delle Arti e del Gioco-Mario Lodi, si terrà il corso Paesaggi e corpi sonori. Educare all’ascolto e alle relazioni con le musiche del corpo, per sviluppare competenze relative alla realizzazione di attività didattiche di bodymusic e sui "paesaggi sonori" che promuovano la collaborazione fra gli allievi.
Il corso, all'interno del ciclo di incontri Scuola attiva oggi, sarà tenuto da Alessio Surian (insegna Dinamiche di gruppo e svolge ricerche sulle competenze sociali presso l’Università di Padova ed insegna Psicologia della musica presso la Scuola di Musicoterapia “G. Ferrari” di Padova) e Spiros Maresca (musicista e musicoterapista, conduce corsi di educazione e animazione musicale in scuola emiliane). Entrambi collaborano a progetti di Bodymusic, in particolare con la rete internazionale “Percuaction”.

Abbiamo chiesto a Alessio Surian qualche informazione in più sulla body percussion e la body music e sull'incontro ad esse dedicato. 

A chi è rivolto questo corso? Quali competenze servono per partecipare?
"Il corso è rivolto a tutti, non richiede competenze previe. Presuppone la voglia di muoversi e mettere in gioco il corpo e la voce. Invita all'ascolto attivo del proprio corpo, delle espressioni sonore interpersonali e circolari, dei paesaggi sonori. È utile a educatori ed insegnanti che promuovono atteggiamenti collaborativi attraverso esperienze ritmiche e musicali".
Può spiegarci brevemente cosa sono le pratiche della body percussion e della body music? Come possono essere portate in classe o in sezione?
"La percussione e la musica corporea - esplorare ritmi e fare musica col proprio corpo - sono antiche come la storia dell'umanità e sono pratiche di espressione artistica tutt'ora presenti in tante parti del mondo, dal Kecak balinese all'hambone nordamericano, per limitarci a due esempi. Negli ultimi decenni, le reti della pedagogiche Dalcroze e
Orff hanno facilitato la diffusione di didattiche specifiche che sono anche esplorazioni di specifiche tradizioni musicali. In particolare, sono significativi le proposte di gruppi quali CrossPulse, promosso da Keith Terry, dei brasiliani Barbatuques e Musica do Circulo, Percuaction, centrato sul lavoro del colombiano Tupac Mantilla, di Kekeça (Istanbul), Cudamani (Bali), e di Leela Petronio (Hip Tap Project) e Jep Melendez (Cambuyon) in Europa. Il sito di Crosspulse è una buona introduzione e segnala festival e materiali didattici come il recente manuale per l'insegnamento della matematica attraverso la percussione corporale "Rhythms of Math", uno fra i tanti esempi di come la musica corporea faciliti il potenziamento e l'apprendimento sia individuale, sia collettivo".

Dopo il corso che cosa si porta a casa un'insegnante, un educatore, un genitore?

"Innanzitutto un'esperienza in cui è benvenuto ogni errore e ogni 'divergenza'; come dice il fondatore dei Barbatuques, Fernando Barba: 'Nel dubbio, divertiamoci'. Il laboratorio suggerisce idee pratiche per generare un clima di ascolto e collaborazione e per esplorare l'espressione ritmica e musicale partendo da suggerimenti ed esempi semplici, alla portata di tutt*. Esercizi e proposte si adattano e valorizzano le caratteristiche del gruppo. Al cuore del laboratorio sono indicazioni su come far musica insieme in relazione con i paesaggi sonori ed imparare in modo collaborativo canzoni e ritmi da aree diverse del mondo".

Per saperne di più

Informazioni e iscrizioni a questo link 
Email convegni@giunti.it  Tel. 055 5062089

 

Foto dal video Rhythm of Math - Teaching Mathematics with Body Music Book

9 Maggio 2017 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola