Insegnare: il mestiere più difficile, ma più importante

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [88SSQ4TK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [75S4EQ29] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [VQK9XYLY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Insegnare: il mestiere più difficile, ma più importante

In occasione della promozione avviata dal Sole 24 Ore di alcune opere di Mario Lodi, proponiamo la video-intervista registrata nel 2011 in occasione dell'uscita alle stampe di Mario Lodi maestro, saggio che riprende brani antologici da C'e' speranza se questo accade al Vho, un vero classico della pedagogia degli ultimi cinquant'anni.

Mario Lodi

Il 3 febbraio 2011, Carla Ida Salviati, direttore di "La Vita Scolastica", "Scuola dell'infanzia", "Sesamo" ha incontrato Mario Lodi a Drizzona.

L'ha intervistato sulla scuola d'un tempo e su come, ancora oggi, in un clima di grande precarietà e, alle volte, di sconforto, un maestro può davvero “ascoltare” i bambini, farli esprimere (attraverso il disegno, la pittura, la musica, la discussione regolata, la scrittura collettiva), scoprirli ogni giorno nuovi e sorprendenti.

Il dialogo ha preso avvio dalle vicende raccontate in C’è speranza se questo accade al Vho: un libro del 1963 di cui Giunti ha pubblicato una nuova edizione e versione nel 2011, col titolo Mario Lodi maestro.

Sono pagine che ancora ci riguardano, come testimonia forte e chiaro l'ultima parte dell'intervista, dove si parla di valutazione, voti, punizioni, nuovi cittadini italiani, motivazione del bambino e dell'insegnante.

 

20 Luglio 2013 Cultura e pedagogia

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola