A scuola di empatia

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [CQFITMCT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [SX3APBP8] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [NVL2M2YB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Aiutare i bambini a stabilire legami è la base per lo sviluppo di competenze personali e sociali fondamentali per la vita. Di Silvana Loiero

a scuola di empatia silvana loiero

In Danimarca gli studenti frequentano corsi di empatia a partire dai 6 anni, un’ora alla settimana durante la quale sono liberi di parlare di sé, ascoltare gli altri e confrontarsi con loro su un problema presentato, provare a trovare soluzioni. Nel corso di quest’ora in cui avviene lo “scambio” di idee, opinioni e consigli, bambini e ragazzi sono messi a proprio agio dagli insegnanti, in modo che il clima sia sereno al massimo. Una torta di cioccolato, preparata dagli stessi allievi e consumata insieme, aiuta a rendere l’atmosfera più piacevole.

L’obiettivo delle attività è quello di fare in modo che i ragazzi imparino gradualmente a comprendere quello che gli altri dicono, pensano e sentono, a riconoscere e descrivere con proprie parole le emozioni altrui, a mettersi nei panni dell’interlocutore e a non esprimere giudizi. Il rispetto reciproco, la solidarietà, la cooperazione, la preoccupazione del benessere altrui, l’importanza dell’aiuto reciproco e dello spirito di gruppo sono valori che a mano a mano vengono scoperti e appresi.

Il potere dell'empatia viene raccontato bene in alcuni brevi video facilmente reperibili sul web (per esempio: www.youtube.com > Brené Brown, EMPATIA). Brené Brown, professore di ricerca presso l'Università di Houston, ci ricorda che l’empatia è cosa diversa dalla “simpatia” (sympathy, tradotta con “compassione”). La prima mette in evidenza i legami da creare con gli altri, mentre la seconda ne mette in risalto le disconnessioni.

Un altro video, del noto disegnatore Bruno Bozzetto, ci mostra l’effetto straordinario dello scambio empatico, che arricchisce e rende diversi (www.giuntiscuola. it > psicologiaescuola > news > Bruno Bozzetto racconta il potere dell'empatia). Perché non prestare un’attenzione sistematica a questi aspetti nella nostra scuola, abituando i bambini a guardare il mondo anche attraverso gli occhi degli altri? Aiutarli a stabilire legami è la base per lo sviluppo di competenze personali e sociali fondamentali per la vita. 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Silvana Loiero: 25 Marzo 2019 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola