Leggere per ridurre il pregiudizio

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [JEG9724V] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [LXFNB9A4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [MXC9IAKV] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Strategie e libri interculturali per bambini, suggerimenti per le vacanze e non solo. Di Dino Giovannini (Professore emerito dell'Università di Modena e Reggio Emilia)

classe multiculturale leggere lettura

Per meglio contestualizzare quanto scritto in questo articolo sono necessarie due brevi premesse.
La prima fa riferimento al RIMILab (Centro di ricerca e interventi su Relazioni Interetniche, Multiculturalità e Immigrazione) fondato da chi scrive nel 2006 e diretto per circa 10 anni (si veda http://www.rimilab.unimore.it/). I numerosi studi scientifici condotti in un’ottica di psicologia sociale hanno avuto l’obiettivo specifico di analizzare problemi della vita delle persone, dunque ricerche profondamente radicate nei contesti reali, con particolare riferimento all’ambito educativo (scuole).
La seconda premessa fa riferimento a pregiudizi, stereotipi e al modello teorico dell’ipotesi del contatto. Vi sono pochi dubbi sul fatto che il pregiudizio nei confronti di persone o gruppi sociali connotati negativamente come gli immigrati sia un problema quanto mai attuale. Occorre pertanto individuare strumenti che possano limitare gli atteggiamenti negativi verso membri di altri gruppi e consentire relazioni basate su rispetto e accettazione reciproca, a prescindere da categorie sociali di appartenenza, cultura e religione.

Una strategia per ridurre il pregiudizio

Una strategia di riduzione del pregiudizio estremamente efficace è rappresentata dall’ipotesi del contatto di Allport, secondo la quale la conoscenza di persone appartenenti a gruppi diversi dal proprio fa scoprire l’esistenza di molte più affinità di quanto si pensi, riduce ansie e paure e, in definitiva, il pregiudizio. Vi sono diverse forme di contatto: contatto diretto (contatto faccia a faccia tra membri di gruppi diversi; contatto indiretto (contatto tra membri di gruppi diversi senza una relazione faccia a faccia); contatto esteso (contatto indiretto tramite amici del proprio gruppo che hanno amici in un altro gruppo o tramite la lettura di libri); contatto immaginato (simulazione mentale di un incontro con un membro di un altro gruppo).

Story-reading e riduzione del pregiudizio

A partire da ricerche che hanno dimostrato come il contatto esteso tramite la lettura di libri (story reading) sia una potente strategia per migliorare gli atteggiamenti nei confronti di un altro gruppo, sono stati fatti in questi anni nell’ambito del RIMILab studi che hanno coinvolto insegnanti e alunni/studenti del territorio reggiano e modenese. Questi studi hanno confermato l’ipotesi che il contatto esteso tramite la lettura di storie cambia gli atteggiamenti e riduce il pregiudizio verso i membri di gruppi sociali de-valorizzati o de-umanizzati (immigrati, rom, disabili, omosessuali…). Fra questi, lo studio che ha avuto ed ha tutt’oggi una enorme risonanza a livello internazionale è quello sulla lettura dei popolari libri di Harry Potter (nel paragrafo in basso le indicazioni per fare il download gratuito dell’articolo).

Compito per le vacanze: leggere un libro o guardare un video interculturale

Quali libri suggerire agli alunni? Mi limito per ragioni di spazio a fornire alcune indicazioni.
Una prima è il libro “Uno e sette”, tratto dalla favola al telefono di Gianni Rodari, in cui si racconta la storia di sette bambini di diversa nazionalità che sono in realtà lo stesso bambino. Una storia che parla di infanzia, di uguaglianza, di solidarietà e pace tra i popoli.
L’altra è “Vado a scuola”, un bellissimo film fatto di più episodi su modi e mezzi adottati nel mondo dai bambini per recarsi a scuola. (https://www.youtube.com/watch?v=Iukaea5Of2I). Ovviamente, le conoscenze degli insegnanti e il ricorso a internet possono fornire ulteriori adeguate indicazioni.

Altre proposte di lettura possono essere: 

“Una coperta di parole” di Irena Kobald 
Girandola, una bambina che sa fare la ruota,  va ad abitare in un paese freddo. Un giorno riceve in regalo una coperta nuova, fatta solo di parole.

“Una spiga per Kahlim” di Chiara Valentina Segré
L'importanza di nutrire il pianeta attraverso la storia di Margherita, una bambina cresciuta in una missione, e Kahlim, bambino ugandese rimasto orfano. 

“Ci sarà la luna” di Emanuela Nava
Una storia di paesi lontani, di gioia e di speranza, di amicizia. Protagonisti Andrea, che ha undici anni ed è malato, e Lu, che viene dall’Africa e racconta ai bambini di leoni e guerrieri e richiami lontani. 

“Il mio amico di cioccolato” di Silvia Sommariva
Michael, il nuovo amico di Filippo, ha la pelle di un bellissimo color cioccolato. Anzi, forse è proprio fatto di cioccolato! La portinaia, infatti, lo chiama sempre “mio bel cioccolatino” e la panettiera gli dice che ha “due guanciotte da mangiare”. Filippo deve scoprire che sapore ha!

  

 

Per saperne di più

Vezzali L., Stathi S., Giovannini D., Capozza D., & Trifiletti E. (2015). The greatest magic of Harry Potter: Reducing prejudice. Journal of Applied Social Psychology, 45, 105-121.
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/jasp.12279

Vezzali L. e Giovannini D. (2015). Le relazioni interetniche a scuola. Combattere il pregiudizio negli adolescenti italiani e immigrati. Parma: Edizioni Junior-Spaggiari

Vezzali L., Di Bernardo G. A, Giovannini D. (2017). Ridurre il pregiudizio in classe. Novara: UTET

 

Leggi anche:
Libri e intercultura, il blog di Lorenzo Luatti su “Sesamo”
Dino Giovannini: "L'importanza di sostenere le 'competenze' dei ragazzi" su La Vita Scolastica

Dino Giovannini: 6 Giugno 2019 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola