La dislessia secondo Roald Dahl

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [I8M3AMG5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4C2XGVR5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [ZF97GYM7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Un gioco letterario a partire dal racconto Il Vicario Cari Voi per bambini a partire dai sei anni.

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
ilvicariocarivoi3

Il Vicario Cari Voi è la penultima opera di Roald Dahl di cui l’autore donò tutti i proventi all’Istituto per la Dislessia di Londra. Nel libro si parla di un parroco affetto da alcune strane forme di dislessia (completamente inesistenti e comiche): la dislessia mescolante e quella retro-attiva. A causa di questo disturbo il prelato ribalta o anagramma le parole creando un effetto comico irresistibile nella vita quotidiana e durante la messa. La soluzione del problema sarà altrettanto divertente. (Se non resistete alla curiosità potete ascoltare tutto il video del Laboratorio di Comunicazione e Narratività dell'Università degli Studi di Trento o leggere su wikipedia)

A partire da questo libro abbiamo realizzato un gioco letterario sugli anagrammi rivisitando il classico Scarabeo.
Rispetto allo Scarabeo tradizionale l’unica differenza è che i bambini non usano le tessere dello scarabeo, ma delle parole già pronte che devono essere anagrammate.

L’occorrente:

  • tabellone scarabeo
  • clessidra
  • parole da 4 lettere
  • parole da 5 lettere
  • parole da 6 lettere
  • parole da 7 lettere

I bambini vanno divisi in 4/6 squadre.

Inizia la prima squadra estraendo una parola da 4 lettere, anagrammandola e collocandola sullo scarabeo.
Proseguono le altre allo stesso modo attaccandosi anche alle altre parole, come nello scarabeo tradizionale.

Per i bambini più piccoli si può facilitare il gioco dicendo che non occorre usare tutte le lettere e chiedendo loro di tenere da parte quelle che avanzano per creare un’ultima parola prima della fine del gioco.

Il punteggio si calcola esattamente come nel gioco dello scarabeo. 

Si tratta di un gioco semplice, che si può utilizzare come rinforzo di precedenti attività didattiche o come momento puramente ludico. Come sempre per ogni dubbio potete scrivere a animarelettura@giunti.it.

P.S. Fuori tema, volevo informarvi che l'editore Giunti mette a disposizione i primi capitoli dei libri che in questi ultimi anni sono stati premiati dalla critica (Wonder, Miss Charity...). Se siete interessati a partecipare potete cliccare qui.

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola