Un 'patto' tra scuola e professionisti per aiutare i ragazzi con disattenzione e iperattività

Gli insegnanti, nei primi anni della primaria, si devono “attrezzare” per aiutare gli allievi con deficit di attenzione e iperattività attraverso l'organizzazione di un ambiente strutturato, con routine stabili. In seguito sarà necessario prestare attenzione alle problematiche attentive e organizzative. Di Claudio Vio

di Redazione GiuntiScuola · 24 dicembre 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

La diagnosi per un allievo con disattenzione e iperattività viene effettuata presso il Servizio Sanitario Nazionale o da un professionista privato. Si tratta di riconoscere una difficoltà che noi chiamiamo del neurosviluppo , che può investire il comportamento , l' attenzione e ovviamente la capacità di seguire una lezione.

Quello che con altri colleghi e ricercatori intendo proporre al convegno di Psicologia e Scuola è cercare di delineare un possibile profilo tipico di questi ragazzini,

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it