Sulle difficoltà scolastiche

Aiutare i bambini in difficoltà vuol dire agire per tempo, secondo strategie funzionali. Aspettare che i bambini superino le difficoltà attraverso la spontanea evoluzione significa affidare il compito evolutivo al solo bambino e alla sua famiglia.   

di Adriana Molin · 27 febbraio 2014
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
4 min read

Riprendo il filo del post precedente (sulle bocciature nella scuola primaria ) per riflettere su ciò che può fare la scuola per il bambino in difficoltà scolastiche.

Agire per tempo, creare alleanze

In primo luogo, è strategico iniziare a lavorare in modo diverso non appena compaiono le prime difficoltà. Aspettare la consegna della pagella per dare il via all’intervento didattico di “recupero” potrebbe rendere

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!