Nemmeno con un fiore: contro l'orrore quotidiano

La violenza contro le donne s'annida ed esplode con sempre maggiore frequenza nel cuore della famiglia, tra mura e abitudini che tendiamo a considerare rassicuranti, "normali" e che invece si dimostrano troppo spesso, al lume della ragione e dei fatti, covi di sopraffazione e torture. Condividiamo oggi un passo del romanzo di Fabrizio Silei "Nemmeno con un fiore". Dice in maniera molto schietta ai lettori più giovani che l'abitudine alla violenza, al considerare l'altro un possesso, specie quando l'altro è una donna, è un veleno che passa di generazione in generazione, inquinando l'educazione di bambini, poi adulti che avranno altri bambini cui mostrare e insegnare, in maniera più o meno consapevole, la normalità dell'orrore quotidiano. Occorre spezzare questa catena. Subito, ora, qui. A partire da noi, bambini e adulti, insegnanti e genitori, allievi e figli.

di nora scalzi · 04 agosto 2016
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
1 min read

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Quella di Nicola, 11 anni, sembra una famiglia come tante: una mamma, un babbo, una sorella maggiore.

Però la mamma ha frequenti lividi sul corpo - è sbadata e tende a cadere, pensa Nicola. E poi i

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!