Le etichette diagnostiche in classe

A che cosa servono le "etichette diagnostiche"? Che effetto fanno agli allievi? Quanto “costano”, in termini emotivi, queste etichette? Ci sono vie alternative per "riconoscere" e aiutare chi è più in difficoltà? Ce ne parlano il Prof. Santo Di Nuovo e la Prof.ssa Margherita Orsolini.

di Redazione GiuntiScuola · 01 febbraio 2016
0

REGISTRATI ACCEDI

0
5 min read

IL CASO

La storia, apparsa già in ottobre sul sito di “Psicologia e scuola” , è stata raccontata dalla Professoressa Orsolini e riguarda un ragazzo e una psicologa che ha lavorato con lui nel servizio di consulenza di cui la Professoressa è responsabile.

La riproponiamo accompagnata da una riflessione del Prof. Santo di Nuovo.

« La storia che racconto riguarda un ragazzo e una psicologa che ha lavorato con lui nel servizio di consulenza di cui sono responsabile.

Sono seduta con

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Fino al 4 dicembre a metà prezzo!