Contenuto riservato agli abbonati io+

Insegnare il cinese ai bambini... Si può fare!

Imparare giocando: gli ideogrammi, la lingua, la cultura di questo grande Paese. Di Paola Mattioli. 

di Redazione GiuntiScuola14 febbraio 20184 minuti di lettura
Insegnare il cinese ai bambini... Si può fare! | Giunti Scuola

La lingua cinese, per la sua scrittura ideografica ed il suo suono così diverso da qualsiasi lingua europea, ci sembra irraggiungibile. I bambini non la pensano allo stesso modo, sappiatelo! I bambini si appassionano alle diversità e le curiosità che stimola una lingua come il Cinese diventano come delle calamite tra loro e questa lingua affascinante.
Insegno cinese ai bambini dai 5 ai 10 ann i in una scuola romana, l’Istituto Marymount, quindi a copertura di tutto il curricolo primario. Abbiamo iniziato questo progetto di inserire il cinese nell’offerta formativa cinque anni fa, quindi questo è il primo anno completo. Devo dire che penso di non aver fatto un anno uguale all’altro perché anche io ho continuato a studiare, a formarmi, e a crescere con i miei alunni.
Il primo ostacolo da affrontare, e neanche troppo piccolo, è il fatto che il cinese non abbia un alfabeto, ogni ideogramma o carattere cinese è direttamente la rappresentazione dell’idea che vuole esprimere. Significa quindi che quando dico ai bambini che l’ideogramma 好 hǎo significa bene , buono ed è l’unione di 女 + 子 ovvero mamma + bambino , perché il concetto di bene viene espresso con l’immagine della mamma che culla il suo piccolo, i bambini in quei segni, grazie alla fantasia che abilmente padroneggiano, riescono a vedere quanto ho descritto. In questo primo punto i bambini già vincono 1 a 0 contro gli adulti! Andando ad osservare meglio la scrittura già da questa parola si capisce che le parole cinesi sono formati da tanti segnetti che chiameremo tratti e spesso le parole si compongono dall’unione di altre parole cinesi. Ad esempio la parola cellulare quando è stato inventato chiaramente non esisteva, per rappresentarlo sono state prese le parole 手 shǒu ( mano ) e la parola 机 jī ( macchina , motore ), sono state messe insieme creando così 手机 cellulare (ma che letteralmente potremmo tradurre con mano elettrica ). Detto questo potete immaginare come i bambini si divertano a scomporre i caratteri cinesi ed individuare le possibili combinazioni per la creazione di nuove parole, anche in questa attività i bambini vincono sugli adulti perché riescono ad apprendere giocando, un livello che purtroppo spesso noi adulti tralasciamo.

Una lingua, una cultura millenaria

Un altro aspetto che i bambini, ma anche gli adulti, nell’apprendimento di questa lingua è la lunga tradizione di questo Paese dalla cultura millenaria. Uno degli argomenti che suscita maggior interesse ad esempio, è il Capodanno Cinese . I cinesi seguono un calendario lunare, motivo per cui le date delle loro feste cambiano ogni anno, pur rimanendo in uno stesso intervallo. La festa del Capodanno Cinese solitamente può aver luogo dalla fine di gennaio a metà febbraio circa, quest’anno nel 2018 inizierà il 16 febbraio. Uso la parola inizierà perché la Festa del Capodanno dura per i cinesi ben 15 giorni ed è l’unico periodo dell’anno in cui tantissime famiglie si concedono di tornare a casa per festeggiare con i propri cari. Ogni anno per i cinesi è legato ad uno dei 12 animali dello Zodiaco, i l 2018 sarà l’anno del cane . Una delle storie a riguardo narra che un tempo o 12 animali che successivamente comporranno lo Zodiaco, si trovavano sotto le finestre dell’Imperatore a discutere chi di loro fosse il più forte. Sentendo tanta confusione l’Imperatore propose loro una gara, avrebbero dovuto attraversare a nuoto il fiume, il primo ad arrivare sarebbe stato il più forte. Fu così che secondo l’ordine di arrivò venne composto lo Zodiaco dei 12 animali che vede il topo come primo e il maiale come ultimo segno di un ciclo di 12 anni. I bambini amano sentir raccontare queste storie così particolari, e allo stesso tempo i bambini cinesi in classe si sentono protagonisti. Nell’insegnare il cinese a bambini così piccoli il successo più grande che vedo anno dopo anno è quello di una maggiore integrazione dei bambini cinesi nelle classi di italiani, e allo stesso tempo una bellissima accoglienza nei loro confronti da parte dei bambini italiani, curiosi di conoscere sempre più nel profondo la loro storia e la loro lingua.
Di seguito qualche link per approfondire qualche aspetto sulla cultura cinese da riprendere magari in classe proprio in occasione della Festa del Capodanno.

Lo Zodiaco Cinese spiegato da ShaoLan

La gara dei 12 animali dello Zodiaco

La storia di Nian, altra tradizione legata al Capodanno Cinese

Non mi resta che dirvi 狗年快乐 (gǒu nián kuài lè) Felice Anno del Cane!


Scuola primaria