Il gioco per il bambino con autismo: un volano per lo sviluppo

Il gioco è utile per iniziare a conoscere le pratiche di negoziazione e ad avvicinarsi agli altri con fiducia. La conquista di una maggiore autonomia nel gioco in un bambino con autismo, quindi, crea le condizioni per facilitare la crescita nelle abilità sociali

di benedetta bonci · 30 gennaio 2015
0

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

Il bambino con autismo manifesta evidenti limiti nell’ambito delle abilità sociali , le quali consentono a ogni individuo di adeguare il proprio comportamento sulla base di quello dell’altro, di leggere correttamente i messaggi di natura sociale, di avviare opportune iniziative con finalità comunicative e di rispondere agli stimoli sociali in modo dinamico e flessibile.

Non deve sorprendere, quindi, che l’acquisizione delle capacità ludiche sia uno degli elementi maggiormente problematici per questi bambini, in grado inoltre di compromettere ulteriormente il loro sviluppo generale. Mediante il gioco sociale, infatti, il bambino inizia a conoscere le pratiche di negoziazione e ad avvicinarsi agli altri con fiducia. Tutto ciò conferma come il gioco sia un aspetto sostanziale per facilitare una crescita nelle abilità cognitive e sociali , oltre che in quelle specificatamente senso-motorie.

Nei bambini con autismo la condotta nel gioco è non solo rallentata, ma anche diversa per quanto riguarda la complessità , dato che non usano, né spesso accettano, il modo di giocare dei compagni. Le carenze principali riguardano il processo di simbolizzazione e la sua applicazione nei giochi sociali .

Per questo motivo, a livello educativo , non è sufficiente adattarsi al gioco spontaneo messo in atto dal bambino, ma occorre guidarlo e cercare le migliori condizion

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Fino al 4 dicembre a metà prezzo!