Empatia e autoinganni

I bambini non sono dotati fin dalla nascita di quella capacità che gli psicologi definiscono “empatia”: ecco un esempio.

di Redazione GiuntiScuola · 20 novembre 2019
0

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

L’empatia, il mettersi nei panni altrui, pur potenzialmente presente nell’architettura del nostro cervello, è il risultato dello sviluppo intellettuale di ogni persona. Lo psicologo austriaco Perner lo ha dimostrato in modo brillante.

Immaginate un adulto che gioca con una bambina di quattro anni mostrandole un pupazzo. Il pupazzo guarda quello che succede in un teatrino. La bambina, per esempio, vede che il pupazzo ha assistito a una scena in cui l’adulto mette un dolc

Scuola dell'infanziaScuola primariaautismoEmpatiadocentegenitore

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it