Altre scritture. In quale direzione?

Direzionalità della scrittura in lingue antiche e contemporanee: qualche suggerimento per avviare laboratori e attività in classe. 

di Maria Frigo · 29 gennaio 2016
0

REGISTRATI ACCEDI

0
4 min read

Tanti alfabeti

Che cosa significano quei segni misteriosi della scrittura in altre lingue? Le attività di scoperta delle differenti lingue nella forma scritta, oltre a essere curiose e divertenti, permettono di far comprendere ai bambini la varietà delle soluzioni, nel tempo e nello spazio, che gli umani hanno trovato a problemi e bisogni simili. I l confronto con altre scritture può inoltre rafforzare la consapevolezza e le competenze nello scrivere in lingua italiana . Alcune scritture non sono più in uso ma ci raccontano di popoli e fatti della storia umana. In altre scritture è possibile rintracciare parentele, attraverso origini e antenati comuni, e aspetti di prestito e scambio tra culture. Infine, ma non meno importante, per bambini che hanno imparato altri segni di scrittura, può essere l'occasione di mostrare a adulti e compagni ciò che sanno come anche di dare valore alle conoscenze dei genitori . In questo e nei prossimi articoli proporremo attività miranti alla scoperta della forma scritta delle lingue contemporanee e del passato. In particolare in questo post l'aspetto del senso di lettura dei segni.

Come si legge?

Per la lingua italiana il senso di scrittura procede da sinistra verso destra, ma i bambini possono scoprire che non sempre è stato così e che altre lingue hanno direzionalità differenti.
Mostriamo l'immagine di un'antica - e ancora oggi abbastanza misteriosa - testimonianza scritta: il disco di Festo . Invitiamoli a osservare le fotografie e a discutere riguardo al senso di lettura: noteranno che i segni sono organizzati lungo una linea a spirale e che si potrebbero leggere da sinistra verso destra se si parte dal bordo del disco come invece in senso opposto se invece si parte dal centro del disco.
E in altre lingue, qual è la direzione? Se in classe ci sono bambini che sanno scrivere in altre lingue materne, chiediamo a loro di scrivere una frase e mostrarci la direzione che assume la scrittura, altrimenti ricorriamo a immagini o a video per la ingua araba oppure per la lingua cinese . I bambini osserveranno che la direzionalità alla quale li abbiamo abituati non è l'unica possibile.
Cerchiamo poi nello scaffale interculturale in biblioteca libri scritti in altre lingue. Come si sfoglia un libro scritto in arabo. E un fumetto giapponese, da che parte si inizia a leggere?

Etruschi e Egizi

Informiamo i bambini che il senso della lettura dei segni scritti presso alcuni popoli del passato poteva variare anche all'interno dello stesso testo. Sono state trovate, ad esempio, iscrizioni in lingua etrusca, greca e latina bustrofediche , cioè con un andamento che cambia direzione ad ogni riga, spesso ribaltando anche i segni.
I geroglifici egizi possono essere scritti in qualsiasi direzione: da sinistra a destra e viceversa, dall'altro in basso e viceversa. Si può conoscere il senso di lettura osservando la direzione nella quale guardano gli esseri animati: difatti gli occhi di uomini e animali sono rivolti sempre verso l'inizio dei testi. Ci proviamo? Condivido con voi qualche spunto d'attività .

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Fino al 4 dicembre a metà prezzo!