Il valore delle routine

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [27L7J4W5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [LXV6PBI4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [3RULRGZX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Nella scuola dell’infanzia attribuiamo molta importanza alle attività che si ripetono regolarmente, chiamate "routine".

Quanti siamo oggi in classe?

Le routine costituiscono una serie di momenti che si ripresentano nell'arco della giornata in maniera costante e ricorrente, caratterizzati da cura, benessere, intimità, relazione affettiva.

Soddisfano bisogni fondamentali dei bambini (usare il bagno, essere puliti, mangiare, dormire…) ma possiedono una valenza importante di orientamento rispetto ai tempi e al succedersi delle diverse situazioni nella giornata a scuola; inoltre, potenziano molte competenze di tipo personale, comunicativo, espressivo, cognitivo.

Il valore delle routine

È importante che riflettiamo attentamente su come intendiamo e gestiamo le routine, mettendo al centro il bambino, evitando di agire per consuetudine e in modo rigido, per raccogliere tutta la ricchezza educativa che ci offrono.

Le routine facilitano la memorizzazione degli script, vale a dire di semplici sequenze di azioni comuni e rendono i bambini partecipi a livello cosciente di gesti e comportamenti che spesso noi adulti eseguiamo e facciamo eseguire in modo meccanico, senza prestare grande attenzione. I bambini le vivono con piacere, in un clima di condivisione, con la sicurezza che proviene dai gesti abituali, dal rispetto di orari consueti; sanno cosa aspettarsi e partecipano attivamente, attratti sia dalla riproposizione di azioni conosciute che da piccole novità e cambiamenti che introduciamo al momento giusto o che loro stessi suggeriscono.

Nelle attività di routine, ben presto i bambini si sentono capaci e responsabili e possono assumere una funzione di tutor nei confronti di compagni che hanno bisogno di aiuto. Anche i bambini disabili e con difficoltà trovano in questi momenti uno spazio di partecipazione significativo.

Vale il tempo

Ogni routine può essere connotata in modo accogliente ed evolvere nel corso dell’anno, in relazione alle conquiste dei bambini, per consentire nuovi apprendimenti e autonomie.
 

Come valorizzare i momenti di routine

Una caratteristica che cambia radicalmente il modo in cui viviamo le routine è la scelta fondamentale di come gestire il tempo.

Dare la giusta durata ai momenti quotidiani (quando arriviamo a scuola, quando conversiamo nel cerchio, quando compiliamo il calendario, rileviamo chi è presente a scuola, ci laviamo, soddisfiamo bisogni importanti come nutrirci, riposare…, quando ci salutiamo…), significa vivere una qualità dell’esperienza altrimenti rinnegata dalla fretta, dall’ansia, dal desiderio che tutto sia a posto.

Ci vuole tempo e lo sguardo affettuoso e benevolo dell’adulto, per imparare a lasciare la mano della mamma e a prendere quella dell’insegnante, a mangiare senza sporcarsi, a bere senza versare l’acqua, ad allacciarsi le scarpe…, a capire che esistono ieri, oggi e domani, ad accettare i turni, a scoprire che si può fare da soli e bene ogni cosa…

Come valorizzate i momenti di routine a scuola? Raccontatemene, se ne avete voglia… 

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola