Jacques Le Goff, la modernità dell’uomo medievale

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [39PH53XQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [WWG4CP49] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [HPLPPQ5S] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Jacques Le Goff, la modernità dell’uomo medievale

Si è spento oggi a 90 anni lo storico che ha cambiato il nostro modo di pensare il Medioevo.

Le Goff

A 90 anni si è spento il Jacques Le Goff, il grande storico che ha influenzato molto anche l’insegnamento della sua disciplina.

Si usa dire che era l’ultimo degli “annalisti”, anche se spesso ci accorgiamo che certe classificazioni rischiano di ingabbiare e ridurre le figure di intellettuali, soprattutto dei più innovatori.

Autore notissimo in Italia anche al pubblico non specialista, ha scavato nella cultura materiale e nell’immaginario restituendoci un’immagine del Medioevo assolutamente diversa dai rimandi ai “secoli bui” , che invece erano usuali nella scuola fino a quarant’anni fa.

Aveva un vero talento per la divulgazione e i suoi libri (se volete, andate a guardare le schede de Il re medievaleLa città medievale) sono di una straordinaria ricchezza culturale. 

Per saperne di più 

Carla Ida Salviati: 1 Aprile 2014 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola