"Basileus, la scuola dei re": vita in una scuola media di periferia

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [V9NW61I5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [WFIQ42PC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [RRWZLG1X] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

"Basileus, la scuola dei re": vita in una scuola media di periferia

Al cinema è uscito il film diretto da Alessandro Marinelli che indaga su come si svolge la vita in un istituto ai margini della Capitale, con uno sguardo dotato di grande sensibilità e rispetto

Basileus la scuola dei re

È in programmazione in questi giorni al cinema il film “Basileus, la scuola dei re”, prodotto da Clipper Media per la regia di Alessandro Marinelli. Si tratta di una pellicola ambientata nella scuola media “Fellini” di Roma, in cui si racconta una scuola di periferia (San Basilio), gli adolescenti che la abitano e gli insegnanti che vi lavorano. Il tutto con grande sensibilità e rispetto.

In questo microcosmo – spiegano gli autori del film sulla loro pagina ufficiale – emerge la relazione forte e peculiare tra docenti e alunni, tutti diversi nelle loro identità e personalità: i primi impegnati ad educare, inventando metodi, strumenti, azioni, all’interno di uno schema didattico basato non solo su modelli formali di insegnamento ma, soprattutto, profondamente interconnesso alle situazioni di vita di quartiere e alle esperienze reali ed individuali vissute dagli studenti; i secondi tesi a rappresentare sé stessi in una scena che non è finzione ma un mosaico di frammenti di realtà cruda, vita vissuta, ribellione, resistenza, espresse con i linguaggi della parola e del corpo, spesso istintivi e grammaticalmente scorretti ma sempre incredibilmente vitali”.

Fondamentale è il ruolo di un docente di geografia il quale ha una propensione tale all’insegnamento tale che i ragazzi siano sempre stimolati a immaginare che ci sia una bellezza da scoprire e apprezzare da qualche parte nel mondo, nonostante le piazze sporche e l’intonaco scrostato dei palazzi che caratterizzano San Basilio.
Il trailer ci permette di entrare un po’ in questo ambiente e… non resta che trovare la sala più vicina dove viene proiettato.

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

18 Marzo 2019 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola