Interdipendenze che sfuggono: quattro albi illustrati

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [N7XDAQUK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [57EMNVU9] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [ECYHFA7G] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Temi grandi come l’immigrazione, la povertà, il razzismo, i conflitti globali, la sostenibilità ambientale: per bambini (e gli adulti) che si guardano intorno e si fanno domande. Di Lorenzo Luatti. 

bambini nel mondo libro luatti 6

Secondo autorevoli esperti il nostro Paese sconterebbe un ritardo (anche di tipo educativo, nella formazione scolastica e universitaria) nella promozione di un’efficace, paziente e lungimirante azione informativa-conoscitiva che consenta a giovani e adulti di comprendere le ragioni complesse del fenomeno “migrazione”, le sue interdipendenze e le sue correlazioni con i temi della sostenibilità ambientale e della crescita economica (vedi da ultimo, Barilla Center for Food and Nutrition, Forum 2017: la sostenibilità guarda a migrazione e al Mediterraneo, Milano, dicembre 2017).
Quanti sanno che i fattori ambientali sono alla base di tanta parte delle migrazioni attuali? Processi di land grabbing o di desertificazione e di impoverimento del suolo, così come fenomeni atmosferici alla base di devastazioni del territorio, ad esempio, sono poco conosciuti, nonostante alcuni organismi internazionali e vari Rapporti in materia li segnalino come elementi preoccupanti e alla base della distruzione di economie di sussistenza; che a loro volta generano spostamenti di porzioni di popolazione che sono spinte ad abbandonare le aree rurali dei propri paesi, o i propri paesi stessi.
Tematiche complesse, certamente, ma anche ricche di spunti e collegamenti tra le diverse materie scolastiche.

Bambini nel mondo

Ecco che sull’argomento l’editore torinese EDT-Giralangolo pubblica quattro volumi divulgativi, illustrati con cura dei dettagli, che hanno il pregio di aiutare i bambini, e prima di loro sicuramente i grandi a cui si rivolgono chiedendo spiegazioni, a comprendere le grandi questioni e i temi importanti, gli scenari complessi e interconnessi del nostro tempo. Guerra, rifugiati, immigrazione, razzismo, squilibri economici e ambientali, parole ed espressioni “grosse” di cui si sente parlare in tv, sui media, nelle conversazioni, sono affrontate con un linguaggio semplice e chiaro, senza mai perdere di vista la sensibilità dei giovani lettori, senza nascondere o banalizzare. E soprattutto sono concettualmente affrontate cercando di “tenere insieme”, all’interno di uno sfondo unitario e interconnesso; ciascuna “tessera” tematica è parte di un medesimo puzzle, come esemplarmente restituisce l’immagine coordinata delle quattro copertine. 
I libri (di 32 pagine ciascuno) sono illustrati da Hanane Kai, un’illustratrice e fotografa libanese, su testi di Louise Spilsbury e Ceri Roberts, due scrittrici e giornaliste specializzate in reportage e inchieste.

Scenari complessi

Ne Il razzismo e l’intolleranza viene spiegato come funziona il pregiudizio, il valore del rispetto e delle differenze, la reciprocità delle opinioni, le conseguenze tragiche dell’intolleranza. I rifugiati e i migranti ci spiega perché certe persone si trovano in quella condizione, come sono costretti a spostarsi, l’iter che i rifugiati seguono per essere riconosciuti. Ne I conflitti globali scopriamo come mai si passa dai dialoghi ai fatti, cosa scatena una guerra, perché c’è chi fugge e chi combatte, quali sono le conseguenze durante e dopo la battaglia. La povertà e la fame fornisce numeri, descrive cosa comporta una situazione di indigenza, traduce parole difficili e concetti troppo grandi da definire per chi non ha provato quella condizione.

Aiutare a capire, farsi un’idea per poi agire

L’attenzione degli autori è sempre aiutare a capire senza spaventare: nelle illustrazioni, gli sguardi e le bocche che trasmettono ansie, paure, fatica si accostano con efficacia ai sorrisi, alle risate e alla spensieratezza. Due pagine sono infine dedicate alla tristezza o alla malinconia che l’affrontare certi temi può causare: ogni libro se ne prende cura, focalizzandosi su quel che la società sta facendo per risolvere conflitti e disparità.
Alla fine di ogni libro c’è un glossario che spiega i termini più impegnativi da comprendere e soprattutto ci sono ampie pagine dedicate a quello che ognuno di noi può fare per aiutare chi è in difficoltà. Un invito a fare, a pensarci su, a farsi un’idea, a essere cittadini attivi nel proprio intorno.

  

  

  

 

Leggi gli articoli di Lorenzo Luatti nella sezione Libri e fumetti  

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola