Story Visualizer: costruire le “lego–storie”

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QSNI276P] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4ZYSGZP5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [A1CFSGBM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Intramontabili mattoncini lego! Oggi, grazie a Story Visualizer, è possibile gettare un ponte tra le costruzioni reali e gli ambienti virtuali.

1

Hanno più di mezzo secolo, ma non lo dimostrano! Mi riferisco ai "lego", i famosissimi mattoncini colorati che da sempre, mediante montaggio, smontaggio e assemblaggi modulari, danno vita ad oggetti, ambienti, storie, lasciando spazio alla fantasia di grandi e piccini.

E ora, grazie a Story Visualizer (disponibile su PC, Mac e iPad), è possibile gettare un ponte tra le costruzioni reali e gli ambienti virtuali. L’insegnante può aggiungere http://education.lego.com/it-it/storyvisualizer/freemium tra i preferiti del proprio browser (Google, Explorer, Firefox, Safari...) così da rendere bambine e bambini autonomi nella scelta delle pagine che verranno poi dedicate alla co-costruzione degli ambienti ed alla creazione di storie in quanto la risorsa, pur essendo in inglese, è intuitiva e può essere utilizzata da chi non sa ancora leggere. I piccoli potranno di optare per la soluzione verticale o per quella orizzontale.

Potranno aggiungere pagine e, attingendo dalla library, potranno utilizzare materiale preimpostato: sfondi, fumetti, effetti speciali, stabilendo per ciascuno dimensioni e posizione mediante drag and drop. Quest’ultima operazione presuppone 3 azioni:

  • cliccare su un oggetto virtuale;
  • trascinarlo in un altro posto;
  • rilasciarlo dove si ha intenzione di collocarlo.

  

Nel caso in cui bambine e bambini desiderino utilizzare quanto hanno costruito nella realtà, potranno farlo ricorrendo all’aiuto dell’insegnante la quale potrà fotografare le loro creazioni ed aggiungere i file in una cartella collocandola sul desktop del computer.

Se bambine e bambini vorranno agire autonomamente potranno farlo ricorrendo alla webcam; per optare per questa soluzione dovranno averne una incorporata nel pc o una esterna.

Sono molto curiosa di vedere quali storie riusciranno a creare!!! 

LINDA GIANNINI

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola