Cura ed educazione per tutti i bambini

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [AF6XF4S8] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [7WIIM7X1] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [MVI1BTL2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

 Il Quality Framework: un documento chiave per nidi e scuole dell’infanzia di qualità. Di Anna Bondioli (Università di Pavia). 

2011nov_ascolto_bambini2

È stato di recente pubblicato in traduzione italiana (Lazzari, 2016), il documento Proposals for key principles of a Quality Framework for Early Childhood Education and Care (citato d’ora in poi con la sigla QF seguito dal numero della pagina dell’edizione italiana), “Un quadro europeo per la qualità dei servizi educativi e di cura per l’infanzia, proposta di principi chiave”, frutto del lavoro del Gruppo di lavoro tematico sull’educazione e la cura dell’infanzia della Commissione europea. 

Attualità e importanza del testo

Il QF è un documento particolarmente significativo, per una serie di ragioni:
• costituisce il risultato di una discussione e di una negoziazione che ha coinvolto esperti di 25 Paesi europei (più Turchia e Norvegia), ciascuno con un’organizzazione dei servizi per l’infanzia molto diversificata; pur tenendo conto di tali diversità, vengono presentano alcuni elementi chiave che propongono aspetti di qualità validi trasversalmente;
• si offre come guida – per i decisori politici e per gli operatori dei servizi – utile per lo sviluppo e la qualificazione dei servizi per l’infanzia in ciascuno dei Paesi coinvolti in una prospettiva sia politica sia pedagogica;
• non si distingue tra servizi per la fascia 0-3 e quelli per la fascia 3-6; ai servizi per l’infanzia 0-6 viene dunque attribuita una specificità rimarcando che la loro finalità e caratterizzazione è diversa da quella delle istituzioni scolastiche successive;
• si rivolge a tutti i servizi per la fascia di età 0-6, sottolineando così che tutte le istituzioni per l’infanzia 0-6 hanno in comune sia la finalità educativa sia quella della cura (Savio, 2007, 2016);
• le indicazioni proposte sono supportate dai risultati di studi che si caratterizzano per essere evidence-based, vale a dire fondati sugli esiti comprovati di indagini empiriche (Vivianet, 2013).
 

I principi di qualità

Accessibilità
1) Disponibilità di servizi a costi accessibili per tutte le famiglie e per tutti i bambini.
2) Servizi che incoraggino la partecipazione, rafforzino l’inclusione sociale e accolgano le diversità.
Il personale
3) Personale qualificato la cui formazione iniziale e in servizio consenta loro di adempiere al ruolo professionale richiesto.
4) Condizioni di lavoro supportanti – inclusa una leadership educativa all’interno del servizio – che creano occasioni per lo sviluppo professionale del personale attraverso l’osservazione, la riflessione, la progettualità, la collegialità e la collaborazione coi genitori.
Il curricolo
5) Curricolo fondato su obiettivi, valori e approcci pedagogici, che consenta ai bambini di sviluppare appieno le loro potenzialità in modo globale.
6) Un curricolo che richieda agli operatori di collaborare coi bambini, coi colleghi, coi genitori e di riflettere sulle pratiche agite.
Monitoraggi e valutazione
7) I processi di monitoraggio e valutazione producono informazioni a livello locale, regionale e/o nazionale che sono rilevanti per sostenere la qualificazione continua delle politiche e delle pratiche educative.
8) Procedure di monitoraggio e valutazione che siano riconducibili al primario interesse del bambino.
Condizioni di governance che rendono possibile la realizzazione di quanto esposto nei punti precedenti
9) Tutti coloro che, a vario titolo, prendono parte al sistema di servizi per l’educazione e la cura dell’infanzia hanno una visione chiara e condivisa del loro ruolo e delle loro responsabilità e sono consapevoli del fatto che sono chiamati a collaborare con organizzazioni partner.
10) I provvedimenti che normano, regolamentano e/o finanziano il settore sostengono una progressiva generalizzazione dell’offerta di servizi per l’infanzia a sovvenzionamento o a finanziamento pubblico, e i progressi compiuti verso tale traguardo sono regolarmente riportati a tutti i soggetti interessati.

Leggi l'articolo completo di Anna Bondioli su "Scuola dell'infanzia" n. 6

Scarica il documento "Proposal for key principles of a Quality Framework for Early Childhood Education and Care"

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    hwork

    8:40, 22 Gennaio 2019
    If you are having problems windows 10 bluetooth missing and unable to find it so you may make use of this portal which is known to be hub of all useful information. Try out for once surely you will be able to increase your knowledge.