Auguri da Bogotà

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [UFDBXNEH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [U6VD77WK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [51PPKQEE] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Natale è vicino. Bruno D'Amore, da Bogotà, scrive una lettera d'auguri ai bambini che vanno a scuola.

1 Parchi

Tutti i parchi e gli spazi pubblici di tutta la Colombia sono addobbati con mille luci e colori, ogni albero è trasformato in un albero di Natale. Esiste un turismo di visita ai parchi più famosi. Per i bambini colombiani è la festa più bella dell'anno; qui sotto, un esercito di bambini di scuola dell'infanzia pronti a cantare in coro i "villancicos de Navidad", in allenamento per la "Noche buena".

Cari bambini,

in questi giorni festeggiamo uno dei momenti più belli dell¹anno, il Natale. Sono giorni pieni di regali, e io vi auguro di riceverne tanti. Ricordate, però, che la più bella felicità viene dal cuore e che esistono bambini al mondo che non possono scambiarsi regali perché non hanno nulla. Ricordate che questa festa celebra la storia di una coppia di migranti (Maria e Giuseppe) che cercavano un alloggio e non lo trovavano, rifiutati da tutti; che dovettero adattarsi a una capanna e lì veder nascere il proprio figlio.

In questi giorni, io credo, possiamo essere felici solo se abbiamo compiuto un atto d¹amore, almeno una volta nell¹anno: donare a chi non ha. Non dimenticate chi soffre, in modo che la vostra gioia sia vera, sapendo che avete regalato un sorriso, forse a un bambino che non vedrete, che non conoscerete mai.

Qui a Bogotà, dove vivo io, ci sono bambini che a sei anni sono costretti a lavorare per 
strada
, il loro sogno è quello di poter andare a scuola, come è normale per tutti voi: per loro è un sogno. E allora noi adulti ci diamo da fare per raccogliere fondi, consegnarli a chi si occupa amorevolmente di questi bambini, chiedere che comprino loro regali (mica belli, costosi, sofisticati come i vostri, cose semplici) e sapere che quel giorno sorrideranno.

Quel sorriso è più bello e importante di ogni presepio, di ogni albero di Natale, di ogni cena di vigilia, di ogni pranzo, di ogni luce sfavillante.

A tutti voi, alle vostre famiglie, ai vostri insegnanti, gli auguri più dolci di una festa serena, ricca di dolcezza anche per chi non ha la nostra fortuna.

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola