Giochi per rischiare: pericoli e difese

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [YFL9SGA3] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [58354SBG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [ELYTKJ68] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Da che mondo è mondo i bambini si rincorrono e cercano di catturare qualcuno o di non farsi prendere. Riscopriamo un gioco contadino: "la volpe, il gallo e la gallina". Di Gianfranco Staccioli

bambini correre

Da che mondo è mondo i bambini si rincorrono e cercano di catturare qualcuno o di non farsi prendere. Si sfidano e mettono alla prova le loro capacità motorie e strategiche. I giochi di acchiappino sono dei giochi nei quali si rischia di essere presi o anche di essere eliminati. Essere esclusi da un gioco non è mai piacevole. E non fa piacere neppure sapere di non avercela fatta e di essere stati catturati. Ma, da che mondo è mondo, giocare e rischiare fanno parte dell’esperienza ludica infantile.

Un gioco contadino

La maggior parte dei bambini del secolo scorso viveva in campagna, spesso in una famiglia contadina. I bambini si ritrovavano per giocare senza la presenza necessaria degli adulti. E anche loro giocavano il tema del rischio. Che cosa faceva ricordare il pericolo nel loro contesto? Tutte le case coloniche avevano degli animali, le galline ed il gallo si muovevano sull’aia o dentro recinti protetti. C’era il rischio che arrivasse una volpe e che catturasse qualche gallina. 
La volpe, il gallo e le galline è un antico gioco che ricorda quel pericolo che gli animali domestici potevano correre. Era la volpe, astuta per definizione, che poteva arrivare e prendersi qualche preda. Nel gioco la volpe (un bambino) non sembra interessata alle galline: sta accucciata ed ha dei rametti accanto a lei. Il gallo (un altro bambino) le si avvicina, mentre le galline (gli altri bambini) rimangono ad una certa distanza.
Il gallo curioso dialoga con la volpe: “Cosa fai vecchia volpe?”; “Accendo il fuoco”, risponde la volpe; “Perché”; “Per far bollire l’acqua”; “Cosa fai con l’acqua bollente?”; “Devo cuocere una gallina”; “Da dove la prendi la gallina?”; “Dal tuo pollaio”. A questo punto la volpe si alza e corre verso le galline. Queste scappano da tutte le parti, mentre il gallo cerca di ostacolare la volpe. La volpe rincorre le fuggitive e cerca di prenderne una. Chi è preso diventa la nuova volpe.

  

Immagine da Curiosando

I rischi di oggi

Un gioco come questo può essere giocato anche dai bambini di oggi. Che si parli di galline o di altro, poco importa. Il gioco mette in scena un dramma preciso: quello del pericolo di divenire preda ed essere divorati (anche se il gioco ne attenua le conseguenze facendo diventare predatore la gallina). Se i personaggi possono sembrare lontani dal quotidiano infantile di oggi, si possono cambiare. Che cosa mette oggi in pericolo i bambini e chi li difende?

 

Incontri ludici

A Brescia con l’Associazione Montessori 23 e 24 ottobre 2018: Gocce ludiche, scoperte e percorsi per attraversare il mare del gioco, percorso di formazione condotto da Gianfranco Staccioli. www.montessoribs.com

A Milano il 24 novembre seminario Bambini in gioco, sul gioco ed i linguaggi simbolici. Tra i relatori Alberto Pellai, Antonio Di Pietro, Ivano Gamelli, Mariano Dolci. www.silviaiaccarino.it

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola