Osservare, riflettere, valutare

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [BUKQSD99] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [XREE7PZZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [DFI4ZVP2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3
La valutazione può essere assicurata solo da una riflessione attenta e condivisa sullo specifico caso e sul suo altrettanto specifico contesto, e deve sempre tenere conto delle specifiche esigenze dell’alunno, andando al di là delle etichette. Di Santo Di Nuovo 
editoriale ps3 2020

Questo numero che apre il 2020 è centrato sulla valutazione. Il tema completo è Osservare, riflettere, valutare: non si può valutare senza riflettere e l’osservazione è uno dei metodi della valutazione che insegnano a riflettere. Questo induce a considerare con cautela la equiparazione – spesso segnalata come indicatore di scientificità – tra valutazione e quantificazione di abilità, competenze, qualità cognitive, emotive e adattive. La valutazione non può essere basata solo su numeri (presupposti utili ma non esclusivi) quali voti e punteggi di test. Deve comprendere – in modo riflessivo, appunto – quali sono le potenzialità di un alunno, le eventuali criticità del suo apprendimento, il sistema relazionale e sociale in cui è inserito, in modo da programmare in modo adeguato le strategie di insegnamento, se necessario “specializzate”. La valutazione può essere assicurata solo da una riflessione attenta e condivisa sullo specifico caso e sul suo altrettanto specifico contesto, e deve sempre tenere conto delle specifiche esigenze dell’alunno, andando al di là delle etichette e delle categorie diagnostiche di carattere generale, che spesso non rendono conto della complessità e della peculiarità di ogni singolo caso e delle modalità di intervento necessarie sul piano sia educativo sia psicologico. In questo numero troveremo articoli sui tanti modi di valutare, sugli oggetti della valutazione, sulla sfida dell’osservazione nei primi anni di scolarizzazione. Scopriremo le potenzialità delle pratiche di auto-osservazione. Altri articoli trattano le emozioni degli insegnanti, o indicano che cosa fare con alunni demotivati, in difficoltà per Bisogni Educativi Speciali, ma anche con studenti superdotati. L’intervista di Cesare Cornoldi a Maurizio Nichetti e la presentazione di un caso di BES e di un laboratorio espressivo con adolescenti completano il numero, di sicuro interesse per il lettore.

 

Sfoglia la rivista

Abbonati subito

 

 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? A questo link scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Santo Di Nuovo: 03 Gennaio 2020

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola