Psicologia e Scuola

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [1AHX2BTH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [9ZMM2INW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [UDKPQNQG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

    La psicologia e il benessere a scuola

    La conoscenza dei fattori emotivi e cognitivi, che sono alla base dei processi d'apprendimento, è molto importante per rimuovere o ridurre, nel minor tempo possibile, le cause delle difficoltà scolastiche. Di Maria Chiara Passolunghi

    Ascoltare e ascoltarsi a scuola

    Come possiamo coltivare il silenzio per favorire una relazione autentica con bambini e ragazzi?  Di Luisa Lauretta

    L'eduzione socio-affettiva per star bene a scuola

    È importante offrire agli allievi un’educazione socio-affettiva che consenta loro di aumentare la consapevolezza di ciò che vivono, per aiutarli a crescere con maggiore serenità. Il contributo propone alcune buone pratiche utili a questo scopo. Di Gabriele Dimitrio (Psicologo...

    Gabriele Dimitrio: 13 Marzo 2019

    L’importanza di lavorare sul benessere a scuola

    Occuparsi di benessere scolastico, creare un buon gruppo classe, equivale a gettare le basi per un ambiente più fertile per il lavoro, sia in aula che a casa: i ragazzi vanno a scuola più volentieri, stanno in classe più...

    Silvio Oliva: 12 Marzo 2019

    Star bene a scuola: la felicità in ambito scolastico

    Attraverso il gioco, il divertimento, gli allievi imparano volentieri, contenti di farlo. Senza la componente del divertimento non useranno il pensiero critico in maniera creativa. Intervista a Paolo Legrenzi (Università Ca’ Foscari di Venezia)

    Paolo Legrenzi: 11 Marzo 2019

    Non amano leggere: che cosa posso fare?

    A scuola possiamo trovare bambini con difficoltà di decodifica, di comprensione del testo, di motivazione. Di Adriana Molin

    L'importanza dell'attività fisica nell'apprendimento

    Dedicare del tempo alla pratica motoria e alle attività sportive migliora il rendimento scolastico, ha un effetto positivo sugli aspetti disciplinari e incide positivamente sull’intenzione di proseguire nel corso degli studi. Intervista a Fabio Lucidi (Università di Roma...

    Fabio Lucidi: 08 Marzo 2019

    Il peso delle “tensioni emotive” in classe

    Tocca sempre più al docente il ruolo di “insegnare a vivere”, da svolgere con attenzione, disponibilità all’ascolto ed empatia. Vi proponiamo un’esperienza in classe che mostra il disagio emotivo dei ragazzi e una possibile strada per affrontarlo, con l’aiuto...

    Come potenziare a scuola empatia e prosocialità?

    Per aiutare i ragazzi a sviluppare maggiore empatia e prosocialità è utile, come nei percorsi antibullismo, indurli a mettersi nei panni degli altri, perché possano rendersi conto, per esempio, della sofferenza che comporta una condizione di esclusione o di...

    Ersilia Menesini: 04 Marzo 2019

    Una riflessione sull'impossibile

    La poetessa Maria Luisa Spaziani scrive che "Non ha colonne d’Ercole il pensiero": la cupola del Brunelleschi ci permette di porci domande sulle nostre potenzialità e sui limiti che ci creiamo. Di Claudia Casini. 

    DSA: una sfida saperli riconoscere?

    La tenacia e la voglia d’imparare dei bambini possono oscurare le difficoltà. Di Adriana Molin

    Imparare a fidarsi, fidarsi per imparare

    Nell’infanzia le prime manifestazioni del senso di fiducia si concretizzano nel vivere l’adulto come una figura capace di fornire una base sicura su cui contare. Crescendo la fiducia nel professore si basa anche sul credito accordato alle sue conoscenze...

    Giuliana Pinto: 25 Febbraio 2019

    Numero in corso