Psicologia e Scuola

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [P2VYD1XK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [BSXWEQDP] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [XZEY4NMI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

    “Perché non mi ricordo?”: sapere, imparare e ricordare

    Per superare lo scarto tra riconoscere e sapere è necessaria un’attività di elaborazione e memorizzazione consapevole che non sempre i bambini della primaria sono disposti a svolgere. Di Adriana Molin

    È utile alla scuola la ricerca sulla memoria di lavoro?

    Il contributo del concetto di “Memoria di lavoro” è rilevante perché aiuta a capire meglio come funziona la mente umana o perché essa non funzioni, ed è utile agli insegnanti che possono tradurre i risultati della ricerca in applicazioni...

    Susanna Mantovani: “Diventare genitori, una scelta coraggiosa”

    “Ci si infragilisce se non si incontrano fattori protettivi, fattori di resilienza, relazioni che ci sostengano, che permettano di percorrere il lungo cammino dell’educazione”: intervista alla pedagogista 

    09 Aprile 2019

    “Dai diamanti non nasce niente”: l’arte che trasforma le tragedie in favole

    Peter Pan, Fabrizio de André, “Zia Caterina” Bellandi di Firenze: quanto è profondo il rapporto tra creatività e sofferenza? Di Claudia Casini

    Un lavoro da dislessico?

    Testimonianza e riflessioni di un dislessico che lavora con allievi con DSA. Di Alberto Righi

    Alberto Righi: 05 Aprile 2019

    Lo sguardo interculturale a supporto di una scuola inclusiva

    “Ogni studente suona il suo strumento”, e l’insegnante non dovrebbe fare altro che “conoscere bene” i propri alunni/musicisti per guidarli alla ricerca “dell’Armonia”. Di Roberta Floris (Psicologa, psicoterapeuta)

    Roberta Floris: 04 Aprile 2019

    Ora legale e rendimento scolastico

    Secondo alcuni esperti il cambio di orario potrebbe avere un impatto negativo sul rendimento scolastico. Secondo altri l’aumento dei tempi di luce giornaliera incide positivamente sugli aspetti emotivi. Di Santo Di Nuovo

    Santo Di Nuovo: 30 Marzo 2019

    Il voto e il bambino

    In quanto insegnanti, siamo chiamati a chiarire e far comprendere il senso profondo della valutazione. Di Adriana Molin

    Il passaggio dai suoni ai segni

    Conoscere come i bambini apprendono è un passo obbligato per sostenere l’apprendimento della lettoscrittura e aiutare a correggere gli errori ortografici ricorrenti nella scuola primaria. Di Giacomo Stella

    Giacomo Stella: 28 Marzo 2019

    Per tutti e per ciascuno: i punti di forza per una didattica inclusiva

    Intervista a Graziella Favaro, direttrice della rivista Sesamo, pedagogista e fondatrice del Centro COME: “La scuola deve dare risposta a bisogni specifici, di lingua e di apprendimento, e allo stesso tempo riconoscere e dare valore a quelli che sono...

    26 Marzo 2019

    Con i genitori, per aiutare i bambini in difficoltà

    Non possiamo che guardare con empatia i turbamenti e le emozioni che prova il genitore quando comunichiamo le difficoltà del figlio. Di Adriana Molin

    L’importanza della funzione paterna

    Padri e madri svolgono funzioni diverse e complementari nell’educazione dei figli e nella trasmissione di valori e competenze. Di Luisa Lauretta

    Numero in corso