L’unione fa la forza: il gruppo educativo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [7BRQFWMG] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [GXMXWV51] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [2P7SDUNB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

L’unione fa la forza: il gruppo educativo

Ci si incontra in riunione con educatori e coordinatore pedagogico per scambiarsi storie di ambientamento e confrontarsi sui bambini. Di Giulia Clemente

Nel fluire del cambiamento diventa vitale e prezioso ritagliare degli spazi per il gruppo di educatrici e nutrirli di parole. La dimensione del raccontarsi in questa fase aiuta e sollecita il pensiero e la riflessione, restituisce il valore del lavoro di accoglienza e fornisce opportunità di scoperta del nido e dei suoi strumenti in base alla percezione e lettura del momento.
Ci si incontra in riunione con il gruppo e il coordinatore pedagogico per scambiarsi storie di ambientamento e confrontarsi sui bambini e le bambine del nido, i nuovi entrati e i ‘vecchi’ . Questi sono momenti leggeri e piacevoli di ascolto dove emergono le emozioni ed è visibile l’intreccio che c’è fra le vite professionali e quelle personali.
Parlare dei bambini e di sé aiuta a pensare, a produrre quella riflessione sul nido e sull’educare che non si lascia ingabbiare dal bisogno, che talvolta emerge, di organizzare, prevedere, programmare.

Scrivere per lasciare traccia del divenire


Uno degli strumenti più preziosi al sostegno della professionalità è la scrittura.
La dimensione della scrittura ha il potere di dare struttura e metodo al pensiero e valore al proprio lavoro e di lasciare una traccia di questo momento di cambiamento È una dimensione professionale individuale: l’educatrice scrive sul e del bambino (che sia un diario, una scheda di osservazione, un quaderno) e racconta del suo percorso al nido, dei primi giorni, delle prime separazioni, delle conquiste dei giorni successivi, delle lacrime e dei sorrisi.. queste parole scritte sono le preziose tracce che rimarranno a testimoniare l’inizio della storia del bambino al nido e che, lette, fra qualche anno, prenderanno sensi diversi. Sono racconti che ‘fissano’ il divenire di questo particolare momento di transizione.
 

 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Giulia Clemente: 01 Dicembre 2019

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola