Quando i bambini hanno paura dei rumori

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [V4BRSSF4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [H9QFAUT4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [EBN4F5F2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
Che cosa fare se i piccoli si spaventano per i suoni improvvisi o più forti? Di Beatrice De Biasi

 

“Il mio bambino di quattro mesi si spaventa per qualsiasi rumore improvviso. Per esempio se suonano alla porta, se squilla il telefono, se passo l’aspirapolvere o anche se qualcuno si avvicina a lui con movimenti bruschi... È normale? Che cosa posso fare per tranquillizzarlo?” (Adele, Modena).

È proprio così come descrivi: i bambini si spaventano facilmente a causa di rumori forti, improvvisi e che arrivano da lontano, come anche di fronte a situazioni impreviste. Ciò che accade al tuo bambino è dovuto alla sua mancanza di esperienza, per cui non ha la possibilità di stbilire la causa di quel rumore e inizia a piangere come se si proteggesse da una situazione per lui pericolosa e terribile. L’emozione della paura è legata all’istinto di sopravvivenza, per cui tutto ciò che il bambino non riesce a identificare lo spaventa e lo mette in allarme. Sarà dunque essenziale prenderlo in braccio, consolarlo e tranquillizzarlo fino a quando il pianto non sarà terminato. Possiamo anche dare un nome a ciò che lo sta spaventando e magari avvicinarlo all’oggetto temuto, o ancora possiamo prepararlo al rumore o alla situazione che sta per arrivare in modo che possa imparare a gestirla. Un bambino più grande può essere rassicurato anche attraverso il gioco, magari fingendo che sia lui a passare l’aspirapolvere o provocando lui stesso il rumore temuto.

Da Nidi d'Infanzia n. 3 2018/19

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola