All’aria aperta in tutte le stagioni

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [AZEVL4LH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4U28IZJT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [LS6M8528] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
Un buon equipaggiamento e la nostra disponibilità: è ciò che serve per far scoprire la natura in inverno ai bambini. Di Simona Serina  

Nel libro L'ultimo bambino dei boschi, Richard Louv sottolinea come gli esseri umani hanno un attaccamento biologico alla natura e come lo stare in natura è un bisogno prioritario per i bambini di oggi per poter crescere nel benessere fisico, emotivo e relazionale. Constata come i bambini stiano progressivamente spendendo meno tempo fuori in natura con conseguenti problemi fisici e comportamentali tra i quali deficit dell’attenzione, maggiore predisposizione alla depressione e all’ansia. Egli li definisce disturbi da deficit di natura, mancanza che porta a una riduzione delle capacità sensoriali, difficoltà di concentrazione, tassi più elevati di malattie fisiche e mentali.
Come possiamo noi, genitori ed educatori, contrastare questa tendenza attuale e sostenere una crescita armonica e sana dei nostri bambini?
Ricerche scientifiche ci dicono come l'attività fisica all'aria aperta in natura nella quiete, l'interazione con gli elementi naturali, sostengono il benessere psico-fisico, riducono i sintomi di deficit di attenzione; migliorano altresì le capacità cognitive e di memoria, diminuiscono l'ansia e la miopia ed i raffreddamenti. Inoltre prevengono l'obesità, l'iperattività, aumentano la concentrazione e migliorano la gestione del rischio. L'ambiente naturale è altresì uno dei massimi decompressori dello stress

“Non esiste un buono o cattivo tempo, ma un buono o cattivo equipaggiamento” (Baden Powell)


Sostenere e promuovere la salute e il benessere dei bambini, la loro autonomia, significa superare pregiudizi e stereotipi relativi allo stare all'aperto in qualsiasi stagione ed ai rischi di ammalarsi, quando ormai è scientificamente provato che abituare i bambini all'aperto in generale fortifica le difese immunitarie e insegna ad adattarsi ad ogni tempo e stagione .
È abitudine comune utilizzare l'aggettivo “brutto” o “mal” davanti alla parola tempo, per indicare le giornate di nebbi,a pioggia, vento, neve o freddo. Pur considerando le difficoltà organizzative sia al nido sia a casa, il disagio dato dallo sporco e dalla temperatura, è necessario attrezzarsi per permettere ai bambini di stare fuori quotidianamente in tutte le stagioni. I bambini non chiedono di rientrare per il freddo, per il caldo o per lo sporco.
Dobbiamo porci una domanda: indossiamo un abbigliamento adatto a stare fuori quotidianamente con i bambini in tutte le stagioni? Infatti, per poter godere appieno delle esperienze all'aria aperta piccoli e adulti devono essere ben equipaggiati. Abituiamoci, quindi, a vestirci e a vestire i bambini in modo comodo e adatto al tempo in modo da sentirci a nostro agio e vivere esperienze in natura in modo confortevole. Sia al nido che a casa, teniamo vicino alla porta, mantellina da pioggia, stivaletti di gomma, tuta impermeabile, giacca, sciarpa, guanti e cappello per pioggia, freddo ed intemperie, e per l'estate berretto e crema solare.

La magia della natura d’inverno


L'inverno, così come tutte le altre stagioni, offre esperienze, incontri con elementi naturali possibili solo in quanto inverno-freddo: sapori, luci, trasformazioni e fenomeni naturali, pensieri, idee che i bambini colgono a partire da ciò che vedono e vivono nella natura direttamente sulla loro pelle.
Il periodo delle vacanze natalizie per molti di noi genitori significa un tempo più lento e disteso da passare in famiglia. E allora approfittiamo per vivere momenti indimenticabili all'aperto insieme ai nostri bambini!
Usciamo per riscoprire insieme la meraviglia della brina e del ghiaccio che gela le mani, e riveste foglie e erba, la morbida neve nella quale tuffarsi e rotolare o semplicemente camminare a zonzo su un sentiero pieno di pozzanghere scoprendole piene di nuvole che vi si specchiano.


 

 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola