La scuola e l'immigrazione: il punto di vista di Daniel Pennac

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QWF3NXYP] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [9S8S831F] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [H1KA8Z1V] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

La scuola e l'immigrazione: il punto di vista di Daniel Pennac

Come affrontare i temi dell'immigrazione e della convivenza con i bambini e i ragazzi a scuola? In una lunga intervista apparsa su "Sette" del "Corriere della Sera", Daniel Pennac sconsiglia anzitutto di presentare l'immigrazione come un "problema". Occore inoltre, con il comportamento e l'esempio più che con le parole, fare in modo che i bambini "divengano, per il loro contesto familiare e sociale, esempio di curiosità e tolleranza".

Daniel-Pennac

Il 16 settembre lo scrittore Daniel Pennac sarà in Italia, ospite d'onore alla manifestazione "Pordenone legge", festa del libro con l'autore (16-20 settembre), nell'ambito della quale sono previsti diversi appuntamenti per le scuole.

In attesa dell'evento lo scrittore francese è stato intervistato per il settimanale "Sette" del "Corriere della Sera" da Edoardo Vigna. Prendendo spunto dal romanzo Il paradiso degli orchi, ambientato nel quartiere multietnico di Belleville, Vigna ha posto a Pennac diverse domande sul tema dell'immigrazione tanto discusso in questi giorni. Condividiamo con i lettori un passaggio dell'intervista che riguarda in particolare il ruolo degli insegnanti e della scuola.

EV - Lei è stato per molti anni, anche prima di diventare scrittore, un insegnante. Se tornasse in aula, come spiegherebbe la questione immigrazione e convivenza, in poche parole, ai ragazzi per far loro capire che cosa c’è in gioco?

DP - Diffido dei discorsi di principio, soprattutto in poche parole. Preferisco i comportamenti. Per prima cosa, quindi, non presenterei ai miei allievi l’immigrazione come “problema”. Cercherei di insegnar loro (come fanno d’altronde molti professori) a vivere insieme e a esserne felici. Farei in modo che loro stessi divengano, per il loro contesto familiare e sociale, esempio di curiosità e tolleranza. I giovani non hanno bisogno affatto di discorsi, ma di fervidi esempi.

Per saperne di più

12 Settembre 2015 Dal web

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola