Consigli per la gestione delle classi difficili

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [9M6VM2TI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [Q48WVQZQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [GCQHQ1LI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Consigli per la gestione delle classi difficili

In occasione del convegno "In classe ho un bambino che...", Luigi D'Alonzo, docente di didattica e pedagogia speciale all'università di Milano, ha risposto ad alcune domande sulla gestione delle classi cosiddette "difficili". Condividiamo l'intervista pubblicata da "Psicologia e Scuola". 

Le ricerche di oggi dicono che le classi sono sempre più "difficili". O, per meglio dire, raccolgono bambini e ragazzi con esigenze e difficoltà - sopratutto di tipo esogeno - di tanti tipi diversi. Luigi D'Alonzo fa un po' di chiarezza sulle diverse tipologie di difficoltà. Fornisce spunti per creare un buon clima a scuola.

Per saperne di più...

6 Luglio 2016 Dal web

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola