La robotica educativa a scuola, tra sperimentazione e creatività

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [IXWW6L27] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4LEHZCZL] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [9R34A6XF] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

La robotica educativa a scuola, tra sperimentazione e creatività

Come integrare un kit di robotica educativa nelle lezioni di ogni giorno? Un metodo di ragionamento che incoraggia e sviluppa le attitudini creative dei bambini. Workshop con Lisa Lanzarini. 

lisa lanzarini robotica

Una serie di workshop per i docenti della scuola primaria che potranno "costruire dentro di sé le basi della robotica educativa, in modo da tornare a casa arricchiti e ispirati". Gli incontri si terranno al convegno NOW! (Modena, 2-3 marzo 2018)  e saranno condotti da Lisa Lanzarini, responsabile comunicazione e formazione di Campustore.

"Uso non a caso la parola "costruire" - spiega - perché i robot (o i modelli meccanizzati) che andremo a programmare devono prima essere assemblati con i mattoncini LEGO Education e poi possono essere debitamente programmati per realizzare delle sfide. Il digitale è quindi presente, ma connesso strettamente a una dimensione tangibile, materica dell'esperienza d'apprendimento, che non può prescindere dal ragionamento sul modello prima di procedere alla programmazione: un'ottima strategia per costruire competenze più complete per i nativi digitali. È un'esperienza didattica estremamente operativa, che non richiede alcun tipo di conoscenza pregressa o particolare abilità tecnica, solo la voglia di mettersi in gioco, capire e lasciarsi andare al gioco intelligente".

In particolare, nel laboratorio sarà utilizzato il kit LEGO Education WeDo 2.0, entrato in modo importante nelle scuole italiane nel corso dell'ultimo anno e mezzo grazie al Piano Nazionale Scuola Digitale e a fondi nazionali mirati molto importanti, come il bando Atelier Creativi. "Il workshop è quindi anche un modo di soddisfare le esigenze di formazione di tanti insegnanti - aggiunge Lisa Lanzarini - che probabilmente oggi ritrovano questi kit dentro i propri istituti e che vogliono imparare a proporli agli studenti e ad utilizzarli a fini didattici in modo appropriato e significativo.
Tutto ciò permetterà di iniziare ad intuire come integrare un kit di robotica educativa nelle lezioni di ogni giorno, non per rivoluzionare il proprio modo di fare lezione, ma per integrarlo e rafforzarlo rendendolo capace di "parlare" ai bambini di oggi, naturalmente inclini ed affini alle tecnologie.
Inoltre studiare e applicare la robotica educativa non è importante soltanto per imparare a costruire o ad usare i robot, ma anche per imparare un metodo di ragionamento e sperimentazione. La robotica educativa incoraggia e sviluppa le attitudini creative degli studenti, nonché la loro capacità di comunicazione, cooperazione e lavoro di gruppo. Lo studio della robotica educativa favorisce negli studenti un atteggiamento di interesse e di apertura anche verso le classiche materie di base come la matematica e la fisica. Si tratta quindi di indirizzare i ragazzi ad un nuovo metodo di studio basato sui concetti e metodologie proprie di problem-posing, problem-solving e learn-by-doing". 

26 Febbraio 2018 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola