L'agenda di gennaio

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [5U267HSH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [QW9H46JF] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [TX2EYV83] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Presentazione del PTOF – Individuazione del profilo dello studente da associare ad un'identità digitale – Modifiche in tema di autonomia contabile delle scuole – Apertura iscrizioni on line. Ecco l'agenda scolastica di gennaio. A cura di Cristina Lerede.

Calendario gennaio

Predisposizione del Piano Triennale dell’Offerta Formativa: L.107/2015 comma 12 – entro il 15 gennaio

Si ricorda che il termine previsto dalla legge di riforma era il 31 ottobre 2015. Il MIUR, con nota 2157 del 5 ottobre 2015, ha scelto di prorogare il termine di presentazione al 15 gennaio 2016 tenendo conto della scadenza del dimensionamento scolastico da parte delle regioni (che si concluderà il 31 dicembre 2015).
Con successiva e recente nota n. 2805 dell’11 dicembre 2015, il MIUR ha diramato alcuni orientamenti per l’elaborazione del piano triennale dell’offerta formativa.
Da tale documento emerge che la scelta di valorizzare l’autonomia scolastica che permea tutta la legge 107 si estrinseca nel momento fondamentale della definizione ed attuazione del piano triennale dell’offerta formativa. Il POF (oggi denominato PTOF), già previsto dal Regolamento sull’autonomia scolastica (art.3 del DPR n. 275 del 1999), viene modificato nella durata (triennale, appunto), e nelle modalità di elaborazione, affidando un ruolo preminente al dirigente scolastico, chiamato, nella nuova previsione normativa, a definire gli indirizzi per le attività della scuola e per le scelte di gestione e di amministrazione, sulla base dei quali il collegio docenti elabora il POF e il consiglio di istituto lo approva successivamente.
Il nuovo PTOF deve contenere innanzitutto una presentazione delle finalità generali che la scuola ha intenzione di perseguire, scegliendoli tra i molti obiettivi che la legge individua ed elenca nel comma 7 della L.107. La scuola potrà scegliere le sue finalità anche traendo spunto dalla prima fase dell’autovalutazione (conclusasi il 30 settembre) eseguita attraverso il RAV.
Il PTOF contiene inoltre la programmazione delle attività formative rivolte al personale docente e amministrativo, tecnico e ausiliario, nonché la definizione delle risorse occorrenti in base alla quantificazione disposta per le istituzioni scolastiche. Il piano può comunque essere rivisto annualmente.
Un’altra novità è costituita dall’indicazione del fabbisogno dei posti comuni, sostegno e aggiuntivi (comma 2 lett a e b), oltre che dell’indicazione dei posti di organico ATA e del fabbisogno di infrastrutture e attrezzature materiali.

ZOOM - Piano Triennale dell'offerta formativa: "suggerimenti" ministeriali di Paolo Bonanno

Individuazione del profilo dello studente da associare ad un'identità digitale L.107 comma 28: entro il 15 gennaio

Entro 180 giorni dall’entrata in vigore della legge 107 il MIUR deve emanare la disciplina per:

  • le modalità di individuazione del profilo dello studente da associare ad un'identità digitale;
  • le modalità di trattamento dei dati personali contenuti nel curriculum dello studente da parte di ciascuna istituzione scolastica;
  • le modalità di trasmissione al MIUR dei suddetti dati ai fini di renderli accessibili nel Portale unico di cui al comma 136;
  • i criteri e le modalità per la mappatura del curriculum dello studente ai fini di una trasparente lettura della progettazione e della valutazione per competenze.

ZOOM - Sperimentare le competenze, anno secondo, di Giancarlo Cerini; Impronte digitali, di Franco Giovannini

Modifica al regolamento di contabilità di cui a DI 44/2001, L.107 comma 143: entro il 15 gennaio

Entro 180 giorni dall’entrata in vigore della legge 107, al fine di incrementare l'autonomia contabile delle istituzioni scolastiche ed educative statali e di semplificare gli adempimenti amministrativi e contabili, la legge di riforma, al comma 143, ha previsto che il Ministero adotti un nuovo regolamento di contabilità in grado di attualizzare il Regolamento già vigente (Decreto Interministeriale 1 febbraio 2001, n. 44) e provveda, altresì, ad armonizzare i sistemi contabili e a disciplinare l'attività di revisione amministrativo-contabile dei convitti e degli educandati (questi ultimi fino ad oggi non inclusi nel Regolamento contabile vigente).
La previsione della norma in questione è di fondamentale importanza poiché rende possibile ridisegnare l’intero sistema di gestione amministrativo-contabile delle scuole, con lo scopo di fornire alle istituzioni scolastiche strumenti innovativi e più coerenti rispetto ai principi di efficienza, tempestività ed efficacia dell’azione amministrativa.
Il nuovo sistema di contabilità dovrà essere, nello spirito della riforma, uno strumento che collega le risorse umane, finanziarie e strumentali con i risultati conseguiti, allo scopo di realizzare il monitoraggio dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell'azione svolta dalle singole amministrazioni.

Apertura iscrizioni on line: dal 22 gennaio

Si riaprono le Iscrizioni on line per gli alunni che iniziano il loro percorso scolastico (primo anno della scuola primaria) e per quelli che terminano la scuola primaria e secondaria di primo grado. La registrazione può essere fatta già dal 15 gennaio 2016.
Si ricorda che le iscrizioni on-line sono obbligatorie per gli alunni del primo anno delle scuole statali, facoltative per gli alunni delle scuole paritarie.
La scuola di destinazione, presa in carico la domanda, conferma l'accettazione, oppure, in caso di indisponibilità di posti, la indirizza ad altra scuola, scelta dal genitore come soluzione alternativa.
La famiglia riceve via e-mail tutti gli aggiornamenti sullo stato della domanda sino alla conferma di accettazione finale.

ZOOM - Il punto sulle iscrizioni all'anno scolastico 2016-2017, di Paolo Bonanno

Conclusione I quadrimestre e chiusura del processo di verifica e valutazione intermedia: 31 gennaio 

Nelle scuole che adottano la divisione in quadrimestri al termine del primo di questi viene compilata dagli insegnanti, e consegnata alle famiglie, la relativa scheda di valutazione.

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola