Invalsi: la prova di Italiano per la classe seconda

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [IKR2WXPS] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [EGWEEXXK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [9G1IWVXN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Invalsi: la prova di Italiano per la classe seconda

Il nostro esperto Silvana Loiero analizza e descrive la prova Invalsi di Italiano per la seconda classe: più complessa rispetto a quella dello scorso anno e con alcune domande particolarmente difficili, la cui risposta implicava processi inferenziali.

Aquiloni

Il testo

Il testo della prova di italiano di seconda classe è una bella storia di Angela Nanetti (per l’occasione ha subito piccoli “tagli” in alcuni punti). L’amicizia tra un bambino e un aquilone colorato, la voglia di libertà dell’aquilone, il suo incontro con uno stormo di anatre e lo “scontro” con il vento del mare, che riduce a brandelli il povero aquilone…personaggi e trama che rendono la storia accattivante per bambini di seconda.

Le difficoltà

Penso che non ci siano stati problemi sul piano della comprensione globale, nonostante la densità di informazioni.

Alcune domande, relative a processi di lettura diversi dalla comprensione globale, potrebbero però aver comportato delle difficoltà; mi riferisco ad esempio alla comprensione del significato di alcune parole (corsivi miei): "l’aquilone se ne risentì"; "le anatre erano abituate a non contraddire mai il capo"; "fu una lotta tremenda e disuguale”. 

E mi riferisco inoltre a domande la cui risposta implica processi inferenziali. Eccone una: “Dopo lo scontro con il vento, l’anatra-capo dice all’aquilone: 'Però, hai del coraggio' (riga 48). Che cosa aggiungeresti a queste parole per fare capire in che modo l’anatra ha parlato all’aquilone?”

La risposta corretta è (corsivo sempre mio): “Però! – gli disse con sorpresa l’anatra-capo – hai del coraggio”, mentre le altre alternative di risposta contengono le espressioni "con rabbia" / "con invidia" / "con preoccupazione".

La domanda potrebbe essere stata difficile, sia per il modo in cui è costruita che per le parole relative ai diversi stati d’animo.

Nel complesso, la prova di seconda si è dimostrata più complessa rispetto a quella dello scorso anno.

Per saperne di più

Silvana Loiero: 12 Maggio 2014 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola