Obiettivi, metodologie, competenze: il ruolo dell’insegnante

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [HNV3UP4Z] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [Y56Y5736] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [R3C2JQSS] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Obiettivi, metodologie, competenze: il ruolo dell’insegnante

Che cosa significa fare progettazione nella scuola primaria? La riflessione di Bruno D'Amore, la proposta de "La Vita Scolastica" 2013-2014.

 Un 'Flying Flea' costruito da un insegnante. Fonte: Adkronos

Osserviamo un artigiano al lavoro: la fase progettuale è la più importante; egli fissa nei più minimi dettagli quel che vuole ottenere (lo scopo, l’obiettivo), il come procedere (la metodologia), di che strumenti ha bisogno e da che cosa disporre per poter partire.

Un artista al lavoro, forse più disposto a cambiare dettagli in corso d’opera, forse più incline a lasciarsi trasportare dall’emozione e dall’ispirazione, ma pur sempre ferreamente determinato sugli obiettivi.

Nella progettazione non ci sono varchi o vuoti o incoerenze possibili.

Ciascuno dei due attori, dei due professionisti, mette in campo le proprie competenze per raggiungere gli obiettivi prefissati, per decidere quelle attività che sembrano le più opportune.

Guai a confondere questi termini, ciascuno dei quali ha una propria perfetta valenza, proprie definizioni.

Nel caso della scuola e del processo di insegnamento-apprendimento, le competenze in oggetto sono duplici; la prima categoria è quella della quale devono/possono disporre gli insegnanti, i professioni dell’educazione, artigiani ed artisti all’un tempo (basti pensare che “didattica” in latino suona come “docendi ars” e che quell’ “ars” è, appunto, artigianato e arte); la seconda è quella auspicata per i bambini, le cui competenze sono sempre più discusse, teorizzate, auspicate.

Anche una lettura breve e parziale delle Indicazioni sembra spingere in queste direzioni, anche gli studi di didattica auspicano una sempre maggior presa di coscienza in tal senso. E ciò costituisce un’ossatura, un’impalcatura comune a tutte le materie, più un senso da dare all’azione didattica che non una vera e propria metodologia di lavoro; cosa, quest’ultima, che può essere sempre più personalizzata.

Per saperne di più

  • "La Vita Scolastica" ha tenuto conto di queste riflessioni nella Progettazione didattica 2013-2014, da vedere qui

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola