Educare o evitare denunce? L’avvento della “pedagogia difensiva”

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [WCLUFDDS] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [E67D1679] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [E1P6N6BB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Educare o evitare denunce? L’avvento della “pedagogia difensiva”

Più attenzione ai verbali che all’insegnamento: è l’ultima tendenza della scuola. Con quali effetti? Di Franco Nanni, psicologo scolastico. 

burocrazia-insegnante

Sulla recente riscoperta dell’obbligo di riconsegna dei minori di 14 anni ai genitori, come se fossero infanti, è stato già scritto molto, rimarcandone le nefaste conseguenze, educative e non solo. Questa vicenda dovrebbe però insegnarci qualcosa di più, costringendoci a prendere atto che siamo ormai nella fase matura di quella che vorrei definire pedagogia difensiva, un concetto parallelo a quello già noto di medicina difensiva. Si tratta di una pedagogia “altra” che rischia pericolosamente di sostituire quella autentica. Raffaele Iosa ha usato per primo l’espressione in un suo articolo e oggi, dopo due anni, la situazione non è migliorata. Cosa intendo ora con questa espressione?
La pedagogia difensiva indica ogni strutturazione dei luoghi e delle prassi educative che non abbia più come obiettivo principale la costruzione del cittadino di domani sul piano intellettivo, morale e sociale, bensì quello di mettere al riparo l'istituzione o determinate sue componenti da possibili contestazioni, ricorsi, rivendicazioni e denunce.
È in nome della pedagogia difensiva che al docente viene richiesta più attenzione a ciò che sta scritto sui verbali e sulle relazioni, piuttosto che a ciò che è stato concretamente attuato nelle situazioni educative e didattiche, in modo da essere al riparo nella eventualità di ricorsi. È sempre in nome della pedagogia difensiva che il rispetto delle astratte normative sulla sicurezza viene molto prima del benessere, della spontaneità e della buona relazione pedagogica. Quando si guarda l’arredo di un’aula o di altri spazi e ci si domanda quale disposizione adottare per evitare contestazioni e denunce, anziché domandarsi quale sia più funzionale a creare agio e facilitazione al personale e agli alunni. Sullo stesso piano, naturalmente, è prescrivere la consegna di alunni delle scuole medie al genitore per evitare guai giudiziari, anziché promuovere la loro autonomia ormai anagraficamente necessaria.
Auspico sinceramente di assistere a un risveglio delle coscienze verso una pedagogia costruttiva e spero che, si perdoni il bisticcio, si inizi a difendersi dalla pedagogia difensiva. 

Per saperne di più

http://www.pavonerisorse.it/buonascuola/pedagogia_difensiva.htm
http://www.soscrescere.org/2016/07/03/fermare-il-declino-della-scuola/
 

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola