Amore e sogni in musica. La storia di Herman e Rosie

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [KTPDJY32] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [Z2LYXSFA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [AQNEHS1R] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Amore e sogni in musica. La storia di Herman e Rosie

Herman e Rosie è un racconto di Gus Gordon che invita grandi e bambini a fare pensieri delicati e concreti sull'amore e i sogni, la vita e la musica. Ne parliamo con Elena Carloni, traduttrice del testo per Motta Junior.  

Herman e Rosie

Apprezzato in tutto il mondo per l'ironia e la delicatezza delle sue storie, Gus Gordon, scrittore e illustratore australiano di libri per bambini e ragazzi, giunge anche in Italia con Herman e Rosie, un racconto che parla dell'amore come sorpresa quotidiana, della bontà delle caramelle, della solitudine che accascia e degli incontri felici che possono capitare tra le note, dentro il labirinto di una grande città. Abbiamo intervistato Elena Carloni, traduttrice del libro per Motta Junior.

Ciao Elena, grazie di aver accettato di parlare con noi. Le illustrazioni di Herman e Rosie ci sono sembrate un mix molto gradevole di realismo e magia. Com'è la lingua di questo autore? E in che modo hai cercato di renderla nella tua traduzione?

Il testo di Herman and Rosie è costruito in maniera estremamente semplice, e l’andamento della storia è caratterizzato da una sorta di poetica ironia. Per tessere il racconto l’autore mette a fuoco volta volta piccoli particolari concreti che trasmettono, più di una dettagliata descrizione, l’essenza, il profumo, l’atmosfera, il colore delle situazioni. Il rapporto con le illustrazioni, anch’esse dolci e ricche di poesia ma sempre piene di piccoli particolari che allargano il sorriso, sembra quasi “musicale", come se fossero strumenti diversi che suonano la stessa melodia. Io ho cercato di mantenere il più possibile la semplicità del linguaggio dell’autore per restituire la forza di questo stile.

Quella di Herman e Rosie è anzitutto una storia ben scritta e ben illustrata, dunque con tante possibilità di lettura diverse da parte di ciascuno. Ma è anche una storia che tocca alcuni temi "difficili": l'integrazione in una grande città, la solitudine creativa e quella che toglie le forze, l'incertezza lavorativa e la fatica di coltivare anche le passioni più radicate in noi... In che modo vengono consegnati questi temi ai giovani lettori?

L’acutezza e la sensibilità dell’autore riescono a restituirci, attraverso piccoli particolari che fanno parte del quotidiano, emozioni e temi anche molto profondi, toccando lettori di tutte le età. I piccoli sono conquistati dalla capacità di descrivere gli ambienti con i loro rumori, profumi e aspetti buffi e, insieme, da quella che è una caratteristica dell’autore, ovvero che racconta le sue storie utilizzando come protagonisti degli animali antropomorfizzati.

Tra poco saremo travolti dalle celebrazioni per la giornata degli innamorati. La storia di Herman e Rosie che cosa insegna sull'amore ai bambini? E agli adulti?

L’amore in Herman e Rosie è, per citare l’autore, come quella brezzolina che soffia nella metropolitana d’estate, qualcosa di improvviso e confortante ma anche, in fondo, di semplice. Rende magiche anche le piccole cose, concetto ben compreso dai bambini, che questa magia riescono a vederla molto meglio degli adulti. Ad adulti e bambini insegna anche che le passioni uniscono, e che se riusciamo a "suonare" insieme, niente sarà più come prima.

Per saperne di più

[intervista a cura di N. Scalzi]

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola