Avventure e scoperte con storie e CLIL

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [6CHI6WZA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [68YZUZG7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [WNDAZ1ZA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Nell'insegnamento della lingua straniera la tecnica dello storytelling è usata con buoni risultati. E le storie sono un ottimo trampolino di lancio per introdurre percorsi CLIL.

picturebook.jpg

It is the end of another summer...
Take a farewell look
at the waves and sky.
Take a farewell sniff
of the salty sea....
It is a time of quiet wonder -
for wondering, for istance:
Where do hummingbirds go
in a hurricane?

(R. McCloskey, Time of Wonder, Puffin Books)

I narratori e creatori di storie sono da sempre stati vicini al modo di sentire dei bambini, che sanno meravigliarsi e stupirsi per ogni piccola grande cosa.
Insegnanti, educatori e genitori ricorrono spesso alla narrazione per catturare l'attenzione dei piccoli e farli viaggiare in mondi che sono fantastici e nello stesso tempo molto simili al mondo reale. Sono mondi popolati da eroi che non si scoraggiano di fronte agli ostacoli ma proseguono il loro cammino con audacia e coraggio perché, come dice un detto inglese, nothing ventured, nothing gained.
Poiché le storie si snodano in luoghi e tempi precisi, sono anche uno strumento per incontrare ambienti diversi dal proprio, ambienti che possono creare stupore e meraviglia e sollecitare nei bambini mille domande e curiosità.
Per questi motivi le storie sono spesso impiegate in ambito didattico e anche nell'insegnamento della lingua straniera la tecnica dello storytelling è usata con buoni risultati. Inoltre le storie, per le caratteristiche descritte sopra, si prestano molto bene per agganci interdisciplinari e possono costituire un ottimo trampolino di lancio per introdurre percorsi CLIL.

Scegliere le storie 

Si tratta di scegliere, di volta in volta, le storie più adatte agli interessi della classe e al loro livello linguistico. La storia Time of Wonder, splendida narrazione delle avventure marine estive di due bambini, riesce a far percepire sapori di sale, di pini, di alte e basse maree, di tempeste di mare e di onde ritornate infine alla calma di sempre. Il lungo racconto, scritto per bambini e ragazzi di madrelingua inglese, è piuttosto difficile per gli alunni di scuola primaria. L'insegnante può però selezionare alcuni brevi brani da proporre alla propria classe per introdurre un lavoro sull'ambiente marino.
Se si vuol proporre una storia completa, pur rimanendo nell'ambito di storie autentiche, scritte per lettori madrelingua, occorre selezionare i libri di storie prestando attenzione ai vari elementi che compongono un buon libro di storie in L2 ed è importante porsi domande precise per analizzare il tipo di picturebook che si vuole proporre.

Anche nel caso ci voglia orientare verso libri di storie scritti per bambini che imparano l'inglese, graded readers, occorre analizzare in maniera analoga la storia, il linguaggio, i contenuti e le illustrazioni del libro.
Un'ulteriore considerazione da fare per i graded readers è se orientarsi verso storie moderne o fiabe classiche. Le storie moderne, proprio perché ambientate ai giorni nostri, contengono elementi che possono essere familiari ai bambini e vicini al loro mondo e al loro ambiente.
Dall'altro lato le fiabe classiche affrontano spesso problematiche psicologiche universali e sempre attuali. Le fiabe possono inoltre essere già conosciute dai bambini e questo può può aiutare la comprensione della versione in inglese. Nel panorama delle storie graduate moderne e classiche, non è difficile trovare elementi di connessione interdisciplinare adatti alla pianificazione di percorsi CLIL.

Materiali utili

Per esempi di bibliografia ragionata e pianificazione didattica per percorsi CLIL utilizzando picturebooks e graded readers, si rimanda ai materiali del workshop Storytelling: libri e storie per la second language education che fanno parte anche parte delle OER del progetto C4C.
Per percorsi specifici di CLIL cittadinanza e CLIL scienze, basati su di una storia moderna, si propone un percorso basato sulla lettura graduata Miss Grace Geeen and the Clown Brothers.
Per chi fosse invece interessato a lavorare su CLIL geografia e sensibilizzazione culturale, si segnalano le storie della collana Giunti English planet, che possono offrire spunti per creare specifiche unità didattiche CLIL come nel caso del libro Una Giornata a New York.
Per unità di lavoro su CLIL cittadinanza, scienze e matematica si può consultare il materiale Stories and CLIL.

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola