Una storia di accoglienza che sembra una favola

Un libro basato su vicende reali, accadute in Italia nel primo dopoguerra. Di Lorenzo Luatti  

di Lorenzo Luatti · 26 marzo 2019
0

REGISTRATI ACCEDI

0
3 min read

Una storia quasi sconosciuta quella dei “treni della felicità” che a partire dal secondo dopoguerra e fino al 1952 condussero circa 70.000 bambini di tante famiglie meridionali, impossibilitate a sfamare i propri figli, presso donne e famiglie del centro-nord, dove furono ospitati in affidamento temporaneo (per mesi, talvolta per anni), nutriti, sfamati e dove fu offerta loro una possibilità di riparo e riscatto.

Furono le donne le protagon

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it