Contenuto riservato agli abbonati io+

Tondo come il mondo

Il tondo Bob accompagna i bambini alla scoperta degli elementi, delle risorse e della meravigliosa coreografia della natura.

di Redazione GiuntiScuola02 gennaio 20122 minuti di lettura
Tondo come il mondo | Giunti Scuola

Cristina Gabetti, Piero Corva, Tondo come il mondo , Giunti Progetti Educativi, Firenze, 2011.

Giunti Progetti Educativi realizza, in collaborazione con Fondazione Ambienta e il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio del mare, la seconda edizione di un kit didattico dal titolo Tondo come il mondo . Si tratta di un progetto dedicato ad accrescere consapevolezze e saperi dei più piccoli sul tema dell’ambiente , delle risorse naturali e della loro difesa; e fa parte integrante del kit un volumetto illustrato da Piero Corva e scritto da Cristina Gabetti, giornalista, autrice, inviata di “Occhio allo spreco” per Striscia la Notizia.

Nel volume, i bambini scoprono gli elementi, le risorse e le fragilità della natura in compagnia di un esserino dal nome palindromo, Bob, e dall’identità incerta, ma con una caratteristica ben precisa: è rotondo “come il mondo, una palla e un bignè, il tuo ombelico, un nido, il tuo viso, un sorriso” . La forma di Bob è simile pure al “ciclo della vita”, una rotonda “danza tra forze opposte che non si ferma mai” . Anche i bambini sono chiamati a farsi “tondi”, a capire che sono fatti di aria, acqua, terra, fuoco, e dunque a partecipare con rispetto alla essenziale coreografia della natura : non sprecare, non deturpare, conoscere bene gli elementi, saper interagire con essi nella maniera più opportuna.

Si propone così una introduzione generale sui diversi temi affrontati (da una presentazione generale degli elementi, allo zoom su ciascuno di essi, sul problema delle energie rinnovabili, su quello dei rifiuti); seguono pagine con svelte e coloratissime indicazioni per un comportamento sano e corretto, e ancora con proposte di esperienze da fare in classe. In chiusura, i bambini potranno ripassare e memorizzare rapidamente alcune “parole tonde” assai importanti: biodiversità, sostenibilità, impronta biologica.