Libri migranti

Quale libro hanno portato con sé i migranti durante il loro viaggio? Quali libri aiutano a sopportare l’esilio e mantengono un filo con la casa e la propria storia? La sociologa Melita Richter raduna 39 testimonianze che illustrano, in maniera chiara e viva, il legame tra migrazione, parola narrata, radici e letteratura.

di Redazione GiuntiScuola · 22 marzo 2016
0

REGISTRATI ACCEDI

0
0 min read

Melita Ritcher, sociologa, saggista e docente presso l’Università di Trieste, dedica da tempo ricerche all'interculturalità, all'integrazione europea, alle questioni balcaniche. Ha pubblicato nel 2015 un saggio che è anche una raccolta di racconti: Libri migranti , 39 storie, raccontate dai protagonisti, sul legame tra libri e migrazioni , sul valore della letteratura e sul legame con la paola narrata. Nel testo, si raccontano modi e sentimenti con cui chi migra deve abbandonare la propria biblioteca, i propri libri, quali sono i libri che vengono portati nel viaggio, quali testi nuovi e vecchi compongono una rinnovata biblioteca, per mantenere il filo con la propria patria e la propria storia.

Per saperne di più

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!