Dalle leggi razziali ai campi di sterminio: mostra al Quirinale

A ottanta anni dall'emanazione, un percorso multimediale permette di entrare nella vita di una famiglia ebrea del 1938 fino al viaggio forzato verso Auschwitz

di Redazione GiuntiScuola · 29 ottobre 2018
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
1 min read

Una mostra interattiva per spiegare come fu possibile in Italia arrivare all’emanazione delle leggi razziali a 80 anni da quei fatti che furono apripista alle deportazioni di massa. A promuoverla, alla Palazzina Gregoriana del Quirinale a Roma, è la Presidenza della Repubblica con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la Fondazione Memoriale della Shoah di Milano Onlus, su un progetto a cura di Paco Lanciano.

L’esposizione “ 1938: l’umanità negata – Dalle leggi razziali italiane ad Auschwitz ”, in programma fino al 27 gennaio 2019 (Giorno della Memoria) e iniziata il 23 ottobre scorso, permette di vedere la storia dagli occhi di una famiglia ebrea , ripercorrendone il viaggio che la portò dalla discriminazione a salire su un treno diretto in Polonia. Questo grazie all’ausilio di tecnologie immersive e multimediali e con documenti originali “parlanti” curati assieme a Istituto Luce, Enciclopedia Italiana e Rai Cultura, in un percorso totale di circa tre quarti d’ora .

Una galleria fotografica è disponibile cliccando qui .

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!