Costruire un destino. La storia di Klaudio

Michele Pettene, nel libro  “La morte è certa, la vita no” racconta la storia di Klaudio Ndoja, clandestino albanese ora giocatore di basket in serie A. 

di Redazione GiuntiScuola · 30 settembre 2015
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
0 min read

"Non sono un campione sportivo, ma credo di esserlo nella vita grazie all'insegnamento dei miei genitori e dello sport. E dico ai ragazzini: se avete un sogno andate avanti , combattete, abbiate sempre fede. Tutto è raggiungibile, io ne sono la prova". Così Klaudio Ndoja, scappato dalla guerra civile albanese, poi clandestino sbarcato in Italia e ora giocatore in una squadra di serie A di pallacanestro. La sua storia è diventato un libro, una storia positiva di migrazione e rivincita, un romanzo dall'andamento epico scritto da Michele Pettene.

Per saperne di più

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!