Compiti per casa: motivarsi, emozionarsi, appassionarsi allo studio

Spesso i compiti per casa costituiscono terreno di scontro fra genitori e figli e rischiano di demotivare e rendere poco piacevole l’apprendimento. Il contributo intende fornire strumenti teorici e indicazioni metodologiche utili a chi vuole trasformare il momento dei compiti in una occasione ulteriore per sostenere la motivazione allo studio e il piacere di apprendere.

di Redazione GiuntiScuola · 09 novembre 2015
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
6 min read

Ci risiamo! Sono le 7.30. Tutti i ragazzi e le ragazze, i bambini e le bambine sono pronti o quasi per uscire.

È una normale giornata di scuola . I quaderni e i libri sono sistemati bene o male nello zaino. Si procede semmai all’ultimo ripasso della poesia, della tabellina, delle formule utili per affrontare le verifiche. Seguono alcune ore, dopo di che il lavoro è destinato a riprendere.

Ore 14 (o 15 o 16...): “Che compiti ci sono per domani?”, oppure: “Hai finito i compiti?”... in alc

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Vuoi provare io+ gratis per un mese? Registrati a giuntiscuola.it!